Volontari Enpa e Comune

Ucraina, raccolta di cibo per animali: in viaggio un tir con 178 quintali di «pappe»

Volontari Enpa mentre caricano i beni sul tir diretto in Ucraina
Volontari Enpa mentre caricano i beni sul tir diretto in Ucraina
Volontari Enpa mentre caricano i beni sul tir diretto in Ucraina
Volontari Enpa mentre caricano i beni sul tir diretto in Ucraina

Sospesa la raccolta di cibo per animali che era stata allestita dal Comune di Verona in via Adigetto. È in viaggio il tir colmo di cibo per gli animali che si trovano sotto le bombe.

Con la campagna “Dona una ciotola all’Ucraina” sono stati raccolti a Verona 178 quintali di ‘pappe’ che sono già in strada verso Kiev. La destinazione finale, infatti, è il rifugio gestito da Andrea Cisternino con i volontari rimasti a presidio del canile nella capitale sotto assedio. Assieme ai loro 435 animali, da giorni senza cibo e acqua potabile. La colletta dei cittadini ha permesso in pochissimi giorni di raccogliere quintali di prodotti.

Enpa, ente che gestisce il rifugio comunale del cane e del gatto della Bassona, ha sovvenzionato il trasporto ed organizzato nei minimi dettagli la parte logistica. Sull’autoarticolato partito mercoledì scorso anche 20 quintali di acqua forniti da Esselunga e il cibo donato dalle varie sezioni Enpa sia per gli animali che per i volontari. Quella del Comune di Verona è una raccolta indipendente messa in opera grazie alle associazioni animaliste di Verona, tra cui LAV, La voce dei conigli, Animalisti Verona Onlus, Lega del Cane, Freccia45 e Tribù Animale.

Al momento, quindi, il servizio di raccolta in via Adigetto è sospeso. I prodotti donati dai cittadini veronesi sono stati trasportati gratuitamente dall’azienda ABM srl alla Bassona. Lì i volontari, assieme alla consigliera delegata alla Tutela animale Laura Bocchi, hanno caricato il tir di ENPA. A supporto dell’operazione è arrivata evidentemente anche la Farnesina che dovrebbe garantire un corridoio umanitario per farlo arrivare a Kiev. L’attesa per l’esito della missione durerà probabilmente alcuni giorni, a causa dei molti controlli e dei passaggi delicati che un'operazione del genere comporta.

L'acqua, il cibo per animali ed i viveri per Andrea Cisternino ed il suo gruppo dovranno essere introdotti, infatti, in zona già occupata militarmente dai russi e di quasi impossibile penetrazione. A supporto dell'operazione, oltre al Governo Italiano ed Ucraino, ci saranno l'associazione SaveUkraine e la Caritas Ucraina.

«Ora speriamo tutti che il tir arrivi a destinazione e, con gli aiuti raccolti, vengano sfamati gli animali ma anche i volontari rimasti sotto le bombe – spiega Laura Bocchi -. Cisternino avrebbe potuto essere trasferito assieme a una parte dei cani, ma non ha voluto abbandonare quelli che non potevano essere spostati. Un gesto d’amore che come Comune di Verona supportiamo a distanza. Tutto è stato programmato nei minimi dettagli, un’operazione condotta a più mani proprio per l'importanza che ricopre e l'enorme difficoltà che ne deriva. Ora attendiamo speranzosi».