canada

Troppi controlli sui droni: per il contrabbando di droga si torna ai piccioni

Catturato un uccello che aveva metanfetamine legate come uno zainetto sul dorso, da consegnare in un carcere. È la prima volta nella storia recente che si usa un uccello

Le guardie del carcere di Abbotsford, nella British Columbia, in Canada, hanno catturato nel cortile della struttura un piccione viaggiatore che aveva con sé 30 grammi di crystal meth legate come "uno zainetto" sul dorso.

Nella prigione canadese ci sono 500 detenuti, e non è stato possibile per le guardie capire chi avesse organizzato il traffico "via aerea".

E' la prima volta nella storia recente che viene catturato un piccione usato per il contrabbando di droga: come riportano i media, quasi un secolo fa si era parlato di un piccione con delle capsule piene di cocaina legate alle zampe che transitava dal Messico al Texas, e nei decenni successivi la pratica è continuata, dal Nord America all'Europa all'Asia.

Negli ultimi anni gli agenti penitenziari sono sempre più alla ricerca di droni che portano droghe all'interno delle strutture carcerarie, ma essendosi intensificata la repressione sui tali dispositivi, come ha spiegato John Randle, presidente regionale per il Pacifico dell'Union for Canadian Correctional Officers, i contrabbandieri starebbero tornando a metodi di "vecchia scuola" come i piccioni. 

Cliccando sul tasto “Abbonati” potrai sottoscrivere un abbonamento a L'Arena e navigare sul sito senza accettare i cookie di profilazione.

Se preferisci invece continuare ad avere accesso gratuito a parte dei contenuti del sito, sostenendo comunque il lavoro dei giornalisti, tecnici e grafici de L'Arena, accetta i cookie di profilazione cliccando "Accetta e continua": ti verranno mostrati annunci pubblicitari in linea con i tuoi interessi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Cookie Policy.

Abbonati