A Malo

Giovane pedone investito si salva ma il cane si spaventa, fugge e muore

Sulla Sp 46, il luogo dell’incidente fatale per il cane Olly
Sulla Sp 46, il luogo dell’incidente fatale per il cane Olly
Sulla Sp 46, il luogo dell’incidente fatale per il cane Olly
Sulla Sp 46, il luogo dell’incidente fatale per il cane Olly

Viene investito da un’auto, restando ferito lievemente, ma il suo cane fugge e viene ucciso da un’altra auto in transito. È quanto accaduto a Malo, lungo la strada provinciale 46, all’altezza di via dei Mandorli. Sul luogo dell’incidente sono accorsi gli agenti del Corpo intercomunale di polizia locale di Malo e Monte di Malo, che si sono occupati dei rilievi. Purtroppo non c’è stato nulla da fare per il pastore tedesco Olly, spirato sull’asfalto. In base alle prime ricostruzioni, l’altra sera, intorno alle 18.30, un giovane del paese era uscito per una passeggiata con il suo cane. Ad un certo punto il ragazzo, uscito da via dei Mandorli, si affaccia sulla provinciale Pasubio e inizia ad attraversare la carreggiata su un attraversamento pedonale.  Negli stessi istanti, sta sopraggiungendo la Suzuki Swift guidata da G. G., 73 anni, di Isola Vicentina, che procede in direzione Schio. Non è ancora chiaro cosa sia successo: per cause in fase di accertamento, la vettura colpisce il pedone, che resta lievemente ferito.

Probabilmente spaventato dall’incidente, il cane Olly sfugge al controllo del suo padrone e si allontana, forse per tornare verso casa. In quel momento, però, sta arrivando l’Audi Q3 condotta da E. F., 31 anni, di Vicenza, che viaggia sempre verso nord. Purtroppo, la vettura non riesce ad evitare l’animale, che viene investito, per poi spirare poco dopo. In breve, arrivano gli agenti della polizia locale, che eseguono i rilievi e raccolgono le testimonianze per ricostruire l’accaduto. Il pedone, ferito lievemente, si è rivolto al pronto soccorso dell’ospedale di Santorso; i medici lo hanno giudicato guaribile nel giro di 7 giorni.

In queste ore, oltre ad essere impegnati nelle attività di rilievo dei sinistri e di viabilità, i vigili hanno intensificato i controlli sul territorio per prevenire i raid predatori nelle abitazioni. «Per contrastare il fenomeno dei furti in casa, che in questo periodo dell’anno è oggetto di una recrudescenza fisiologica, siamo partiti con un pattugliamento stradale più serrato, intensificando i passaggi anche nei quartieri residenziali - spiega la comandante del Corpo intercomunale di polizia locale di Malo e Monte di Malo Nadia Fochesato -. Abbiamo organizzato posti di blocco, anche con i carabinieri, soprattutto nella fascia oraria dalle 16 alle 19, utilizzando anche il Targa System, fermando i veicoli e cercando di identificare il maggior numero di persone possibile».

 

Matteo Carollo