Gallio

Lupi sulla neve in Altopiano: la foto del vicesindaco è da brividi

La foto scattata da Denis Lunardi (Facebook)
La foto scattata da Denis Lunardi (Facebook)

Quattro lupi immersi nella neve. «Un incontro ancestrale» come l'ha definito Denis Lunardi, vicesindaco di Gallio (Vicenza) e fotografo naturalista, autore dello scatto da brividi. La scena è stata immortalata domenica sull'Altopiano di Asiago e la foto è stata poi postata su Facebook dallo stesso Lunardi, ricevendo centinaia di like, commenti e condivisioni. 

 

Tra un «che meraviglia» e un «potrei piangere dall'emozione», non sono mancate però le critiche e nei commenti c'è stato chi si è fatto "portavoce" degli allevatori, esasperati per le continue predazioni.

 

Come riporta Il Giornale di Vicenza, le incursioni dei lupi ormai sono sempre più frequenti. Lo scorso 9 marzo un esemplare era stato filmato mentre "passeggiava" tra le case in contrada Costa, ad Asiago. Ma in tutto l'Altopiano la tensione è alta, soprattutto per il susseguirsi delle predazioni. «Siamo circondati e con il primo disgelo la situazione sta già evolvendo al peggio, forse perché i lupi sono affamati o forse perché oramai i branchi sono numerosi e ci sono sempre più esemplari costretti alla dispersione» aveva detto Emanuele Munari, presidente dell’Unione montana. 

 

Di contro, proprio qualche settimana fa è partita una nuova raccolta firme destinata al ministro della transizione ecologica Roberto Cingolani e promossa dal “Tavolo Animali & Ambiente", gruppo costituito dalle associazioni animaliste e ambientaliste italiane, unite nella tutela degli animali e dell'ambiente. La petizione intende opporsi al possibile abbattimento dei lupi qualora venisse loro ridotto il grado di salvaguardia dalla commissione europea. «La presenza del lupo è sinonimo di ecosistema sano - sottolinea per il "Tavolo Animali & Ambiente" Marco Francone -. Una società civile deve trovare un’adeguata soluzione a tutela del lupo e dei pastori con strategie per assicurare una convivenza stabile tra questo animale e le attività economiche».