il fenomeno

Gli Americani rinunciano a cani e gatti: colpa dell'inflazione

Dopo il boom di adozioni con il Covid, ora è record di restituzioni. Il 14% dei cittadini infatti non può permettersi le spese: un cane costa in media 1.000 dollari l'anno e un gatto 650

Gli americani scaricano cani e gatti e la colpa è dell'inflazione. Dopo aver aperto le porte delle loro abitazioni a migliaia di animali domestici durante la pandemia - una famiglia su cinque ne ha adottato uno nell'emergenza Covid - gli americani ora sono costretti a rinunciarvi a causa del caro prezzi.

Il 14% infatti non può permettersi le spese legate a cani e gatti mentre un altro 12% che era in difficoltà nella gestione del suo animale domestico è riuscito a trovare una nuova casa al suo quattro zampe.

Le strutture che ospitano animali abbandonati e in cerca di adozione sono alle prese con boom di coloro che restituiscono gli animali adottati. E temono che un numero ancora maggiore possa essere abbondonato in strada.

Con l'inflazione che galoppa mantenere un cane o un gatto è una spesa non indifferente. Secondo alcune stime, un cane costa in media 1.000 dollari l'anno e un gatto 650 dollari. Ma emergenze veterinarie improvvise possono far volare il costo a migliaia di dollari proprio mentre le quattro famiglie americane su dieci affermano che un conto veterinario inatteso da 999 dollari potrebbe costringerle a indebitarsi. 

Cliccando sul tasto “Abbonati” potrai sottoscrivere un abbonamento a L'Arena e navigare sul sito senza accettare i cookie di profilazione.

Se preferisci invece continuare ad avere accesso gratuito a parte dei contenuti del sito, sostenendo comunque il lavoro dei giornalisti, tecnici e grafici de L'Arena, accetta i cookie di profilazione cliccando "Accetta e continua": ti verranno mostrati annunci pubblicitari in linea con i tuoi interessi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Cookie Policy.

Abbonati