I COMPORTAMENTI

Gli animali domestici continuano ad azzuffarsi? Ecco cosa fare

La convivenza si basa su equilibri che possono venire meno a causa di cibo, gioco o riposo

Nemici come cane e gatto? Non sempre questo detto si conferma veritiero, e molte famiglie avranno notato come spesso i litigi più furibondi possano avvenire tra cane e cane, o tra gatto e gatto di una stessa casa. E così succede di assistere a inseguimenti, lotte, agguati.

Sono diverse le ragioni che spingono gli animali ad avere, a volte, degli atteggiamenti aggressivi: si tratta di questioni amorose, di voglia di difendere il proprio territorio, o banalmente anche di piccole gelosie quotidiane.

 

Le lotte per gli spazi

Sta di fatto che capita spesso a chi vive con più di un animale di assistere a rincorse che possono sfociare anche in aggressioni, con tanto di denti e artigli sfoderati e il rischio che qualcuno si faccia anche del male. Questo avviene in particolare nel momento delicato di un nuovo inserimento nel nucleo famigliare: l’ultimo arrivato dovrà fare i conti con spazi già suddivisi e «controllati» dagli altri animali di casa, più anziani oppure abituati già da tempo ad avere i loro angoli di pace in cui riposarsi indisturbati. Se poi ad arrivare è un cucciolo, già curioso e vivace per il fatto di essere ancora giovanissimo, la situazione si complica. Di sicuro, in molti casi a scatenare la lite sono fattori che sfuggono agli umani: un boccone in più mangiato dalla ciotola sbagliata, la voglia di giocare di uno che impedisce all’altro di poltrire in santa pace, un giocattolo conteso. Non dimentichiamo che cani e gatti sono animali predatori, con l’istinto di controllare il territorio e soprattutto il cibo.

Ecco perché a riappacificare gli animi basta spesso anche solo dividere fisicamente i coinquilini al momento dei pasti, stando attenti che ciascuno possa consumare la sua razione senza fretta. Quasi sempre questi momenti di tensione si risolvono in breve tempo, e in particolare tra i gatti si potrà notare che uno scontro iniziato con forza si stempera da solo nel giro di pochi minuti, trasformando i due rivali in compagni di gioco. Diverso è il caso in cui la tensione diventa parte della quotidianità.

 

Leggi anche
Verona, slalom in centro fra gli escrementi dei cani: «Per favore, usate i sacchettini»

 

Cosa fare?

Ma come ci si deve comportare in questo caso? Gli esperti di comportamento raccomandano in linea generale di non intervenire, e possibilmente lasciare che gli animali possano chiarirsi per conto loro.

La convivenza richiede infatti il rispetto di equilibri e gerarchie che possono sfuggire agli umani di casa, e a risolvere le questioni saranno i cani e gatti coinvolti. Ovviamente sarà meglio chiedere il consiglio o addirittura l’intervento di un esperto se le zuffe dovessero diventare un’abitudine quotidiana, e se si nota che un animale in particolare ha un carattere più debole e quindi è meno capace di difendersi da solo. Una regola importante, comunque, è quella di garantire a ogni animale uno spazio speciale, un angolo del divano, una cuccia, una scatola o una cesta posizionata in un luogo appartato, in modo che tutti i componenti della famiglia possano avere il proprio angolo di privacy e sentirsi quindi al sicuro ogni volta in cui desiderino «staccare» con l’esterno e dedicarsi al riposo.•.

Silvia Allegri

Cliccando sul tasto “Abbonati” potrai sottoscrivere un abbonamento a L'Arena e navigare sul sito senza accettare i cookie di profilazione.

Se preferisci invece continuare ad avere accesso gratuito a parte dei contenuti del sito, sostenendo comunque il lavoro dei giornalisti, tecnici e grafici de L'Arena, accetta i cookie di profilazione cliccando "Accetta e continua": ti verranno mostrati annunci pubblicitari in linea con i tuoi interessi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Cookie Policy.

Abbonati