Lavori alla portata di tutti con lo sconto in fattura

By Athesis Studio
Lavori alla portata di tutti con lo sconto in fattura

BONUS CASA, ECOBONUS SUPERBONUS

Per tutti questi bonus è possibile optare per il recupero di imposta, scalando dalle imposte in più anni gli importi corrispondenti.

In alternativa sarà possibile cedere il credito maturato ad altri soggetti, banche ed istituti di credito

Si ma come sfruttarli al meglio se non voglio impegnarmi finanziariamente?

La ditta de Pantz Impianti ti mette a disposizione la possibilità di optare direttamente per lo sconto in fattura.

Operando da solo, in autonomia o con la consulenza di intermediario abilitato, potrai comunicare all’agenzia delle entrate tramite il tuo cassetto fiscale le cessione del credito al fornitore che ti applicherà il corrispondente sconto in fattura.

In questo modo, offrendoti un contratto chiavi in mano, la ditta de Pantz impianti ti permetterà di ottenere i benifici fiscali senza necessità di anticipare la spesa.

Ma come funziona lo sconto in fattura?

 

QUALI INTERVENTI POTRAI FARE?

a) recupero del patrimonio edilizio

b) efficientamento energetico

c) adozione di misure antisismiche

d) recupero o restauro della facciata degli edifici esistenti

e) installazione di impianti fotovoltaici

f) installazione di colonnine per la ricarica dei veicoli elettrici

 

A CHI SPETTA?

Possono beneficiare delle agevolazioni e dello sconto in fattura

il proprietario o il nudo proprietario

il titolare di un diritto reale di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie)

l’inquilino o il comodatario

i soci di cooperative divise e indivise

i soci delle società semplici

gli imprenditori individuali, solo per gli immobili che non rientrano fra quelli strumentali o merce.

Hanno diritto alla detrazione, inoltre, purché sostengano le spese e siano intestatari di bonifici e fatture:

il familiare convivente del possessore o detentore dell’immobile oggetto dell’intervento (il coniuge, i parenti entro il terzo grado e gli affini entro il secondo grado) e il componente dell’unione civile

il coniuge separato assegnatario dell’immobile intestato all’altro coniuge

il convivente more uxorio, non proprietario dell’immobile oggetto degli interventi né titolare di un contratto di comodato, per le spese sostenute a partire dal 1° gennaio 2016.

 

COME DEVI MUOVERTI

Eseguendo i lavori maturerai un credito di imposta, diverso secondo i lavori eseguiti, che potrai cedere al fornitore. Il fornitore emetterà una fattura nella quale indicherà uno sconto corrispondente al credito di imposta ricevuto, tu pagherai al fornitore solamente la quota restante.

Questa è ovviamente l’operazione più semplice e più potente poiché permette di eseguire i lavori oltre la propria capacità contributiva e riducendo le pratiche bancarie.

 

www.depantz.biz  mail@depantz.biz