<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=336576148106696&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
sport invernali

A quale età è meglio iniziare a sciare? Guida per i principianti

By Athesis Studio

A quale età conviene iniziare a sciare?

Qual è l’età giusta per imparare a sciare? La risposta non è univoca perché dipende dal grado d’interesse dimostrato da chi si avvicina allo sport. In linea di massima se i giovani dimostrano una chiara passione, è possibile avviarli allo sport già intorno ai 4-5 anni. L’importante è considerare che i piccoli devono vivere i primi rudimenti dell’attività sportiva come un semplice gioco, ricco di note divertenti e tanta gioia.

Neve e sci a misura di bimbo a partire dai 4-5 anni

La neve è puro divertimento per i grandi, così come per i più piccoli, che possono mettere gli sci ai piedi anche in tenera età. A chi si interroga su quale siaè l’età giusta per coinvolgere i bimbi, e insegnare loro i primi rudimenti di questa disciplina così amata, rispondono sportivi e pediatri. In veste di esperti, medici e atleti spiegano che è bene non esagerare, anticipando troppo i tempi, ma confermano che è possibile avvicinare i piccoli allo sci già intorno ai 4-5 anni.

Nell’avviarli alla disciplina, l’unico consiglio è di farlo nella maniera più serena possibile, considerando che per i più piccoli deve trattarsi di un’impresa ludica, in grado di rispondere ai loro gusti, diventando oggetto di puro divertimento.

Per un inizio corretto il bambino deve possedere un’appropriata coordinazione motoria, che facilita l’apprendimento ma, soprattutto, permette al piccolo di imparare i giusti movimenti.

Se il bambino dimostra un forte interesse per lo sci anche intorno ai 3 anni, si può pensare di avviare un percorso introduttivo decisamente soft, con un impegno minimo, evitando forzature e facendo sentire il piccolo a proprio agio. Il corso introduttivo riservato ai più piccoli non contempla sicuramente l’apprendimento di dettagli tecnici, per quelli c’è tempo, ma deve essere improntato sostanzialmente al gioco. 

Lezioni di gruppo per apprendere divertendosi

Per i più giovani che si avvicinano allo sci, è preferibile pensare a lezioni di gruppo. Momenti da condividere con altri bimbi, in un ambito in cui a essere messo in primo piano è il divertimento, lontano da ogni possibile forma di stress, che potrebbe invece creare una lezione individuale.

Insistere con i bimbi, pretendendo che imparino subito, è un errore da evitare assolutamente. I bambini devono avere il loro spazio, ed è corretto rispettare i tempi di apprendimento di ciascuno, privilegiando le amicizie che possono nascere nel corso delle lezioni.

Considerando un corso di gruppo, la soluzione perfetta è quella che favorisce la presenza di 4 o 5 bimbi, che il maestro può seguire senza difficoltà. Il percorso di avvicinamento allo sci prevede passaggi fondamentali. Prima di mettere gli sci ai piedi è importante far calzare ai piccoli i soli scarponi, e con quelli farli semplicemente camminare sulla neve, facendo capire loro che su questa splendida coltre bianca è facile cadere.  Mantenere l’equilibrio diventa quindi fondamentale per apprendere i primi rudimenti, partendo dal controllo del proprio corpo, per poter mantenere una posizione retta una volta indossati gli sci.

Con il tempo, se il bambino lo gradirà, alle lezioni di gruppo si potranno affiancare percorsi di apprendimento individuali.

Che tipo di attrezzatura utilizzare per i più piccoli

Far sciare in sicurezza i più piccoli è fondamentale. Per questo motivo è importante non pensare solo all’acquisto di accessori e outfit all’ultima moda, ma preferire soluzioni sicure, confortevoli ed estremamente affidabili.

In tema di abbigliamento, corretto propendere per soluzioni comode e traspiranti, in grado di proteggere i bimbi da umidità e freddo, consentendogli di muoversi agevolmente, senza costrizioni di sorta.

Nella scelta di attrezzature e abbigliamento è sempre bene valutare che le misure siano adeguate. Inutile pensare che si possa cominciare con indumenti e accessori prestati da altri, che non sempre hanno la corretta vestibilità, oppure sono poco sicuri perché consumati, e soggetti a deterioramento.

La sicurezza è un elemento fondamentale nella scelta di sci, attacchi, caschi, che devono proteggere i bambini in ogni momento dedicato all’attività sportiva.