CHIUDI
CHIUDI

09.01.2020

Carabiniere in borghese sventa furto Due ladri in trasferta vanno in carcere

Il carrello ricolmo di spesa che è stato recuperato dai militari
Il carrello ricolmo di spesa che è stato recuperato dai militari

Hanno cercato di fare scorta di piccoli elettrodomestici, prodotti di bellezza ed alimenti, in un supermercato di Lazise. Senza però passare dalla cassa. E questo grazie ad un ingegnoso stratagemma studiato proprio per fare la spesa evitando di aprire il portafoglio. Uno dei due ladri, entrati in azione martedì pomeriggio al «Lidl» di via Antonio Della Scala, dopo aver riempito il carrello all’inverosimile assieme al complice, è uscito a mani vuote per poi far passare l’amico dalla porta d’ingresso con una spesa da oltre 700 euro. Questa volta il «trucchetto», inscenato da due cittadini romeni, rispettivamente di 32 e 33 anni, nullafacenti, senza fissa dimora e con una sfilza di precedenti specifici, non ha però funzionato. A smascherare i due banditi seriali ci ha pensato infatti un carabiniere in borghese: l’appuntato Emanuele Luberto che, al termine del servizio svolto nella caserma cittadina, si era recato a fare acquisti nel punto vendita della nota catena di discount. Erano le 17 quando il militare ha notato nelle corsie del supermercato due uomini che, con fare sospetto, gettavano decine di articoli, dai rasoi elettrici ai cosmetici, dai profumi agli alimentari, in un carrello che ormai straripava. A quel punto ha iniziato a tenerli d’occhio anche alla luce del fatto che di recente il personale del «Lidl» aveva sporto due denunce dopo aver subito altrettanti furti. Improvvisamente uno dei due è uscito e, dopo essersi messo davanti alla porta scorrevole d’entrata azionata da una fotocellula, ha iniziato a gesticolare per dare il via libera al complice. Il quale si è così avvicinato con il carrello pieno all’uscita. Un segnale fin troppo eloquente che ha suggerito all’appuntato di non perderli di vista. L’esperienza e l’occhio allenato del militare hanno confermato di lì a poco i suoi sospetti. Com’era infatti prevedibile, la coppia è uscita proprio dall’ingresso con la maxi spesa. Il carabiniere, che nel frattempo aveva allertato i colleghi, si è perciò qualificato e ha cercato di bloccarli. Per tutta risposta, i due romeni, che avevano noleggiato una Renault Clio all’aeroporto di Bologna per far razzie nei supermercati del Nord Italia, hanno reagito violentemente scaraventando l’appuntato a terra per assicurarsi la fuga. Tutto inutile. In quel momento è giunta sul posto, in supporto a Luberto, una pattuglia, capeggiata dal luogotenente Gianluca Battaglia, comandante della stazione gardesana, che è riuscita a bloccare i due trentenni pregiudicati per rapine e furti proprio ai danni di negozi. È scattato perciò l’arresto per rapina impropria e, su disposizione del pm di turno, il dottor Carlo Boranga, i malviventi sono stati trasferiti nel carcere di Verona dove oggi si terrà probabilmente l’udienza di convalida. Durante la perquisizione dell’utilitaria utilizzata dai due romeni per spostarsi senza dare sospetti, i carabinieri hanno rinvenuto alcuni arnesi da scasso, una chiave ad uncino usata per aprire i box di plastica ed una calamita utile a smagnetizzare le placche anti-taccheggio da profumi, liquori ed altri articoli di pregio. •

STE.NI.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Necrologie