CHIUDI
CHIUDI

26.11.2019

Fondazione Vidas, gli aiuti dell’Avis alla festa del Patrono

I volontari dell'Avis di Peschiera
I volontari dell'Avis di Peschiera

I donatori di sangue dell’Avis hanno festeggiato il santo patrono arilicense, San Martino di Tours, lavorando allo stand gastronomico sulla piazza del porto per donare tutto il ricavato alla Fondazione Vidas di Milano. Hanno lavorato in nove volontari, fra cui il presidente Fiorenzo Zambelli, per tre giorni consecutivi raccogliendo oltre 1.300 euro che sono stati poi girati alla fondazione milanese costituitasi nel 1982 per iniziativa di Giovanna Cavazzoni. La Fondazione offre assistenza socio-sanitaria gratuita ai malati con patologie inguaribili a domicilio e presso l’hospice «Casa sollievo bimbi», inaugurata quest’anno e che accoglie minori gravemente malati e per il sostegno alle famiglie. «È un servizio gratuito che la Fondazione offre ai bambini affetti da queste malattie cosiddette inguaribili», spiega Fiorenzo Zambelli, «e noi proprio qui in area gardesana abbiamo alcuni di questi casi conclamati, riferiti proprio ai minori. La Fondazione si sta facendo carico di queste problematiche davvero gravissime. Noi non possiamo davvero restare con le mani in mano», continua Zambelli, «e Vidas difende a 360 gradi il diritto del malato a vivere anche gli ultimi momenti di vita con dignità ma servono fondi e appoggi da parte di chi ci può aiutare a gestire questi delicati servizi». Sono sei le équipe multidisciplinari composte da operatori sanitari e volontari. Garantiscono assistenza con reperibilità 24 ore su 24, ogni giorno dell’anno. Della Fondazione Vidas fanno capo anche l’ex direttore del Il Sole 24 Ore Ferruccio De Bortoli e Simonetta Lagorio, personaggi pubblici che comunque non vogliono assolutamente dimenticare le necessità e le esigenze di sostegno a malati inguaribili e bisognosi di assistenza continua. •

S.B.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Necrologie