Pfizer ritarda le forniture

Zaia furioso: «Vaccini, vergognoso quello che sta succedendo: campagna a rischio»

Il video non può essere visualizzato in quanto non è stata accettata la cookie policy.
Zaia, punto stampa 18 gennaio 2021

In diretta dalla sede della protezione civile di Marghera la conferenza stampa del presidente Luca Zaia sulla situazione dei contagi da coronavirus nel Veneto.

 

I DATI

998 positivi, il 5% dei tamponi eseguiti. I 18 giorni 400 ricoverati in meno. Altri 47 decessi, superata la soglia degli 8.000.

«Vedo troppa esultazione in giro, per recuperare al contrario questi miglioramenti bastano poche ore. Bisogna rispettare le regole ed evitare gli assembramenti. In casa di non conviventi mettere la mascherina, anche se sono i propri genitori».

 

I VACCINI

«Vaccini, vergognoso quello che sta accadendo: non puoi dare dei numeri sulla fornitura, sulla quale abbiamo fatto un piano, e poi sospendere le forniture del 53%. Certe regioni come il Veneto sono state azzoppate. Se mettono in discussione anche la fornitura della prossima settimana, noi non riusciamo più a vaccinare, lo dico ai signori della Pfizer. Ora andiamo avanti solo con i richiami, la campagna vaccinale è sospesa».

«Vorrei capire come ha deciso Pfizer di distribuire e togliere i vaccini. Spero che a livello nazionale si vada a vie legali. Ad altre nazioni sono state tagliate le forniture?».

 

Leggi anche
Guida al vaccino, un inserto con L'Arena e tre webinar con gli esperti

 

SCUOLE

«Non c'è il partito di chi vuole la scuola aperta e di chi ha l'anello al naso. Chiudere la scuola è una sconfitta, ma noi dobbiamo garantire la salute dei cittadini. Visto il parere del cts, parleremo con gli altri presidenti di regione. Apriremo solo se la situazione sanitaria lo consentirà. So che c'è stato un ricorso al Tar per riaprire le scuole».