Dopo le parole del microbiologo

Vaccino, bufera su Crisanti: «Danneggia il paese». Lui: «Mi hanno strumentalizzato»

Dopo le parole del microbiologo
Andrea Crisanti
Andrea Crisanti

«Mi è stata fatta una domanda: lei lo farebbe oggi? Oggi il vaccino non lo farei perchè ci sono solo dati relativi agli annunci delle aziende e perchè oggi non ci sono le conoscenze sufficienti». Così all’ANSA Andrea Crisanti, direttore di microbiologia e virologia all’Università di Padova, dopo che alcune sue parole sul vaccino anticovid hanno provocato una valanga di reazioni critiche.

«Quando la comunità scientifica l’avrà vagliato - ha detto - me lo faccio. Non capisco dove sia il problema. Io sono uno dei firmatari-proponenti della vaccinazione antinfluenzale, come faccio ad essere contrario a un vaccino? Questa è una autentica strumentalizzazione. Io sto dicendo che per fare un vaccino, io personalmente, voglio che sia approvato e voglio vedere i dati».

Crisanti aveva dichiarato a Focus Live: «Normalmente ci vogliono dai 5 agli 8 anni per produrre un vaccino. Per questo, senza dati a disposizione, io non farei il primo vaccino che dovesse arrivare a gennaio. Perchè vorrei essere sicuro che questo vaccino sia stato opportunamente testato e che soddisfi tutti i criteri di sicurezza ed efficacia. Ne ho diritto come cittadino e non sono disposto ad accettare scorciatoie»

 

Leggi anche
«Crisanti ha mistificato e alterato il caso Vo'». Bruno Vespa svela il documento regionale

 

LE CRITICHE

«Le affermazioni del professor Crisanti sul vaccino anti-Covid sono gravissime. Insinuare dubbi sulla scientificità dei vaccini è anacronistico e fuorviante per la gente». Lo scrive l’infettivologo Matteo Bassetti su Facebook, dove si chiede ’Se avessimo detto una cosa del genere io o il collega Alberto Zangrillo che cosa sarebbe successo?».

«Se ci fosse il vaccino, lo farei subito», commenta da par suo il presidente del Consiglio Superiore della Sanità Franco Locatelli: «I profili di sicurezza dei vaccini che verrano resi commercialmente disponibili seguiranno tutta una serie di step ineludibili, garantiti dalle agenzie regolatosi e più importanti. In un Paese che già di per sè si connota qualche volta per qualche perplessità, dubbio o ostilità a considerare strategie vaccinali, è bene stare attenti alle dichiarazioni. Tutti i vaccini avranno garanzie di sicurezza».

«Credo che Crisanti si sbagli: il vaccino sarà sicuro. Quando arriverà. e io rientrerò nelle categorie che possono farlo subito, lo farò», ha detto il viceministro della Salute Pierpaolo Sileri a Rainews24.

Nicola Magrini, direttore generale dell'Agenzia del farmaco: «Le affermazioni attribuite al professore Crisanti sono molto gravi, in quanto provengono da una persona che ha spesso parlato da esperto in questa pandemia ma, da quello che dice, non lo sembra affatto. Con le sue parole danneggia il Paese».

Fra i critici di Crisanti, anche i vari Lopalco, Vaia, Viola e Rasi.