Sputava in faccia alle donne per strada, arrestato a Mestre

.
Un'auto della polizia
Un'auto della polizia

Sputava contro donne incrociate per strada, impaurendole soprattutto per il pericolo di contagio da Coronavirus, ed era riuscito a fuggire dal centro di permanenza di Macomer (Nuoro) tornando a Venezia. Infine, oggi è stato rintracciato e arrestato dalla Polizia della città lagunare.

Protagonista un cittadino della Sierra Leone, D.M., 36 anni, destinatario di un ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica di Venezia, ed eseguito oggi a fronte di una pena di oltre un anno di reclusione per resistenza a pubblico ufficiale, lesioni personali aggravate, danneggiamento aggravato, percosse e furti.

 

L’uomo si era reso protagonista di numerosi episodi nel centro di Mestre, tra giugno e agosto scorsi. Particolare allarme aveva suscitato la ripetuta abitudine di sputare in viso alle donne che incrociava per strada. Recentemente era stato condotto al Cpr sardo, da cui però non era stato possibile espellerlo per mancanza di accordi con il paese di provenienza, e negli ultimi giorni si era avuta notizia del suo ritorno in provincia di Venezia. La Divisione Anticrimine della Questura ne ha ricostruito la sequenza dei comportamenti, giungendo a definire un giudizio di pericolosità sociale. Di qui il provvedimento di carcerazione.