Prada: L.Bertelli, Andrea Guerra per una transizione morbida

Nuovo ceo sa di avere 'un obiettivo preciso con una scadenza'
(ANSA) - VENEZIA, 24 GEN - "E' un percorso di transizione morbido, tranquillo negli anni, non traumatico, un normale passaggio in un momento buono per il gruppo. Guerra sa che è venuto con un obiettivo preciso. Sa che viene con una scadenza". Così Lorenzo Bertelli, head of Corporate social responsibility del gruppo Prada, spiega l'arrivo del manager nel ruolo di ceo del gruppo. L'obiettivo è il passaggio generazionale? "Sì" conferma il figlio di Patrizio Bertelli e Miuccia Prada, candidato, nel giro di "3-4 anni, ad assumere la guida della casa di moda di famiglia. "Il mio ruolo per ora non cambia e non cambierà nel breve periodo", aggiunge. Lorenzo parla, a due giorni dal cda del gruppo Prada che nominerà ceo Guerra mentre Patrizio Bertelli diventerà presidente, a margine delle prime lezioni all'aperto dell'Asilo della Laguna, una iniziativa di educazione ambientale rivolto ai bambini di Venezia nell'ambito del progetto con l'Unesco 'Sea beyond'. (ANSA).
MM