La Giunta regionale approva il bilancio. Zaia: «Nessuna tassazione e nove miliardi destinati alla sanità»

Palazzo Balbi sede della Giunta regionale
Palazzo Balbi sede della Giunta regionale
Palazzo Balbi sede della Giunta regionale
Palazzo Balbi sede della Giunta regionale

«Oggi abbiamo approvato un bilancio rigoroso, che ammonta a quasi 17 miliardi di euro, il tredicesimo bilancio che viene fatto senza tassazione». Lo ha annunciato oggi il presidente del Veneto, Luca Zaia, al termine della riunione in Giunta regionale che ha licenziato il documento finanziario. «Abbiamo messo come priorità - ha aggiunto Zaia - i bisogni principali dei cittadini, i temi dell’ambiente e del sociale, e abbiamo confermato partite non facili in un periodo che ci ha letteralmente massacrato».

Spiegando che l’obiettivo è l’approvazione in Consiglio regionale a fine ottobre, Zaia ha rimarcato come «nove miliardi saranno destinati al comparto delle spese sanitarie, e rimarrà una marginalità di circa 67 milioni di euro».

“Siamo un esempio di regione virtuosa e in questo scenario confermiamo per il tredicesimo anno consecutivo un Veneto Tax Free, unica regione che anche quest’anno non introdurrà nessuna addizionale Irap", ha aggiunto l'assessore regionale al Bilancio Francesco Calzavara. "Ciononostante, ai veneti continueremo a dare risposte tempestive introducendo anche nuove agevolazioni fiscali. Ad esempio in materia di tassa auto, in favore dei possessori di veicoli storici, disabili, minori trapiantati così come viene elevato a 50.000 euro la soglia di esenzione in materia di addizionale regionale IRPEF per i disabili”.

“Cultura, Olimpiadi e Paralimpiadi, programmazione comunitaria, scuole paritarie, sanità e formazione professionale. Questi sono i grandi temi del bilancio di previsione che confermano le priorità sulle quali ci concentreremo con la politica regionale. Arrivare oggi a questa definizione di spesa con obbiettivi chiari da raggiungere ci permette di consegnare tutta la documentazione al Consiglio regionale per iniziare il dialogo costruttivo con la maggioranza e la minoranza per arrivare all’adozione definitiva del documento entro il mese di novembre”.