l'epidemia

Influenza, boom di contagi anche a Verona: i bambini sono i più colpiti

In Veneto incidenza di circa 13 ammalati su mille abitanti, un livello che normalmente si registra a gennaio. Le autorità sanitarie: «Vaccinarsi quanto prima»
La fascia pediatrica è la più colpita dall'influenza
La fascia pediatrica è la più colpita dall'influenza
La fascia pediatrica è la più colpita dall'influenza
La fascia pediatrica è la più colpita dall'influenza

Verona a letto con l'influenza. Anche in riva all'Adige, come nel resto d'Italia, l'epidemia è in anticipo rispetto alle attese, con un boom di casi che riempiono gli studi di medici e pediatri. 

In Veneto, per l’influenza stagionale, si registra un’incidenza di circa 13 ammalati su 1.000 abitanti. Il dato emerge dalla sorveglianza epidemiologica e virologica, coordinata dall’Istituto Superiore di Sanità a livello nazionale. La sorveglianza, a cui stanno aderendo circa 170 tra medici e pediatri, è in fase di implementazione in termini di rilevazione.

Leggi anche
Farmacie, per la prima volta vaccinazione gratuita per over 60 e maggiorenni con patologie a rischio

I più colpiti

La fascia di popolazione maggiormente colpita è quella pediatrica, con 28,7 casi ogni 1.000 residenti per i bambini 0-4 anni, e di 22,8 per quelli 5-14 anni.

L’incidenza per adulti è inferiore, e quella per gli anziani si attesta al momento sui 2,8 casi per 1.000 residenti per i bambini 0-4 anni, e di 22,8 per quelli 5-14 anni. L’incidenza per adulti è inferiore, e quella per gli anziani si attesta al momento sui 2,8 casi per 1.000 residenti, con possibili fenomeni di sottonotifica.

Leggi anche
Influenza, al via la campagna vaccinale in Veneto. E arriva il vaccino in spray

«Oggi siamo a un livello di incidenza che solitamente si riscontra intorno alla prima settimana di gennaio, quindi siamo in anticipo di quasi due mesi», evidenzia Paolo Bonanni, componente del gruppo "Vaccini e Politiche Vaccinali" della Società italiana di Igiene (Siti), che ha partecipato a una sessione del congresso Simg in corso a Firenze. Questo, aggiunge, «è un motivo di allarme e rappresenta un invito a vaccinare quanto prima. Mentre finora abbiamo riscontrato una lentezza nelle adesioni alla campagna».

Inoltre a causa della limitata circolazione negli ultimi due anni, aggiunge, «la diffusione potrebbe essere superiore rispetto agli anni pre-pandemici, mentre l'abbandono delle misure di distanziamento potrebbe favorire la diffusione di tutte le infezioni alle vie respiratorie, incluso Covid, virus respiratorio sinciziale».

L'invito alla vaccinazione, anche in co-somministrazione

Vista la situazione, spiega Alessandro Rossi, Responsabile Area Malattie Infettive Simg, «dobbiamo proteggere dall'influenza la popolazione fragile ovvero over 65, malati cronici e ai soggetti immunocompromessi, che possono andare incontro a ricoveri e decessi».

Vaccinandoli, conclude, dobbiamo anche «cogliere l'occasione per proporre le co-somministrazioni: il vaccino antinfluenzale, infatti, può fare da driver per la dose booster Covid ma anche per la copertura contro altre infezioni pericolose, come quella da pneumococco o herpes Zoster».