<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=336576148106696&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
La storia

Gioia e Nicole, sveglia alle 4.30 e tre ore di viaggio per andare e tornare da scuola

Due 14enni, viaggio in auto e due pullman per essere in orario

(ANSA) - MONTEFORTE D'ALPONE, 18 SET - Suona alle 4.30 del mattino la sveglia per andare a scuola per Gioia e Nicole, due ragazze di Monteforte d'Alpone (Verona) che per raggiungere l'istituto ad indirizzo culturale dove studiano, a Legnago (Verona), devono sobbarcarsi quasi 3 ore di viaggio, attese e coincidenze dei pullman. Gioia ha 15 anni, Nicole ne compirà 14 ad ottobre. Quando si alzano - e con loro si svegliano le famiglie - fuori è buio fitto: il tempo di prepararsi, fare colazione, controllare gli zaini, ed escono di casa assieme al papà o alla mamma, che le devono accompagnare in auto sino alla stazione dei pullman più vicina, a San Bonifacio. Da qui la corriera dell'Atv (azienda trasporti Veronesi) parte alle 6.10.

È l'ultimo orario utile per arrivare a prendere la coincidenza del secondo pullman, che parte da Cologna Veneta - sempre provincia di Verona - alle 6.50.

Leggi anche
Primo giorno di scuola, sui banchi 105mila studenti veronesi / LE FOTO DEI LETTORI

E finalmente le due amiche arrivano a Legnago alle 7.20-7.30. Giusto in orario per la campanella dell''Isiss 'Minghetti' (servizi culturali e dello spettacolo) che suona alle 7.45. Il problema non tanto è la distanza tra Monteforte e Legnago (meno di 40 km) ma il fatto che gli orari dei mezzi pubblici non consentono di evitare l'alzataccia, pena perdere del tutto i pullman. "Certo, c'è del sacrificio - dice Gioia - ma ne vale la pena, lo facciamo per il nostro futuro, siamo convinte che sarà una fatica ben ripagata". Il sogno delle due amiche è lavorare nel mondo della fotografia, indirizzo cinematografico. (ANSA).

GM

Suggerimenti