inflazione e rincari

Benzina e bollette affossano le famiglie: in Veneto il 60% delle spese è per gli acquisti obbligati

Secondo la Cgia di Mestre, su 2.000 euro, 1.202 vanno a trasporti, luce e gas e manutenzione della casa, oltre che a cibo e bevande
Le bollette, uno dei massimi capitoli di spesa per le famiglie venete
Le bollette, uno dei massimi capitoli di spesa per le famiglie venete
Le bollette, uno dei massimi capitoli di spesa per le famiglie venete
Le bollette, uno dei massimi capitoli di spesa per le famiglie venete

Le spese obbligate delle famiglie venete continuano ad aumentare. Secondo una stima dell’Ufficio studi della Cgia riferita al 2022, gli acquisti per gli alimentari/bevande, per i trasporti e per la casa sono stati, sul totale della spesa mensile media di una famiglia veneta2, pari al 58,4 per cento.

Oltre la metà delle spese mensili per gli acquisti obbligati

In termini monetari vuol dire che, a fronte di una spesa mensile media pari a 2.153 euro, 1.257 euro l’anno scorso sono stati “assorbiti” dagli acquisti obbligati: di cui 312 euro per benzina-gasolio e spese su mezzi pubblici; 453 euro per la manutenzione della casa e per le bollette di luce-gas-spese condominiali e, infine, 493 euro per il cibo e le bevande analcoliche.

La spesa obbligata delle famiglie in Veneto
La spesa obbligata delle famiglie in Veneto

A causa del rincaro dei prezzi registrato l’anno scorso, rispetto al 2021 si ipotizza che l’incidenza di questa tipologia di spesa in Veneto sia cresciuta di 3,9 punti percentuali.

Insomma, a causa dell’inflazione spendiamo di più, portiamo a casa meno beni e la gran parte della spesa - per cibo, carburanti e bollette – la facciamo per “vivere” e per recarci/tornare dal luogo di lavoro.

Zabeo (Cgia): "Frutto dello stile di vita imposto a discapito di piccoli negozi e artigiani"

Le spese complementari languono: sos botteghe

Tra il 2021 e il 2022, infatti, le uscite per le spese obbligate della famiglia media veneta, sono incrementate di 185 euro (+17,2 per cento). Diversamente, quelle complementari (o consumi commercializzabili) languono.

Nonostante nel 2022 l’aumento medio dell’inflazione si sia attestato attorno all’8 per cento, in termini assoluti l’incremento di questa tipologia di spesa si stima nullo. In altre parole, si ipotizza che negli ultimi due anni per acquistare alcolici, abbigliamento/calzature, mobili, tempo libero, ristorazione, ricettivo, istruzione, sanità, cura della persona, etc., la famiglia media veneta abbia speso mensilmente 895 euro.

Non solo. Ma se la grande distribuzione organizzata e le vendite on line hanno registrato risultati positivi, le attività commerciali e artigianali di piccola dimensione dei settori appena richiamati hanno invece visto peggiorare la propria condizione economica.

Cliccando sul tasto “Abbonati” potrai sottoscrivere un abbonamento a L'Arena e navigare sul sito senza accettare i cookie di profilazione.

Se preferisci invece continuare ad avere accesso gratuito a parte dei contenuti del sito, sostenendo comunque il lavoro dei giornalisti, tecnici e grafici de L'Arena, accetta i cookie di profilazione cliccando "Accetta e continua": ti verranno mostrati annunci pubblicitari in linea con i tuoi interessi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Cookie Policy.

Abbonati