Il caso

«Crisanti ha mistificato e alterato il caso Vo'». Bruno Vespa svela il documento regionale

Il caso
Bruno Vespa e Andrea Crisanti
Bruno Vespa e Andrea Crisanti

Andrea Crisanti si è attribuito i meriti del primo giro di tamponi a Vo' Euganeo, quando in realtà era intervenuto solo dopo di esso, facendosi finanziare dal Veneto un secondo round di test, poi pubblicati sulla rivista Nature (qui i risultati).

 

 

Lo sostiene  il giornalista Bruno Vespa oggi sul Gazzettino in un articolo dal titolo «Crisanti ha alterato e mistificato il caso Vo'». Vespa cita la dura lettera di replica della regione Veneto a Nature, nella quale si ribadiscono le inesattezze sullo studio e il ruolo esclusivo svolto dalla sanità veneta nell'istituzione della zona rossa Vo' e nel primo giro di tamponi.

La pandemia, conclude la lettera regionale, «è stata affrontata con largo anticipo rispetto a uno studio progettato a posteriori che non ha avuto il minimo impatto sulle scelte successive della sanità».

 

LA REPLICA DI CRISANTI

Leggi anche
Crisanti al contrattacco: «Tutte menzogne, è una vendetta. E a Zaia direi "mi fai pena"»