I dati della Regione Veneto

Covid, a Verona 34.000 vaccinati entro fine gennaio: priorità a ospedali e case di riposo

Le prime vaccinazioni a Verona
Le prime vaccinazioni a Verona

Come previsto dal Commissario nazionale Arcuri, entro il 25 gennaio 2021 arriveranno e saranno erogate in Veneto 186.225 prime dosi di vaccino contro il Covid, distribuite nei sette punti di stoccaggio individuati dal Piano Vaccini elaborato dalla Direzione Prevenzione della Regione.

Le dosi, una volta arrivate dal livello centrale, vengano distribuite nei punti di stoccaggio per poi essere inviate ai punti di erogazione. All’Azienda Ospedaliera di Verona  ne arriveranno 34.125. I vaccini, spiega una nota della regione Veneto, arriveranno dalla struttura commissariale in diversi lotti a partire da oggi, quindi il 4, 11, 18 e 25 gennaio 2021.

Al primo vaccino segue un richiamo 21 giorni dopo.

 

Il Presidente della Regione Luca Zaia: "Per noi è rigorosamente prioritario rispettare il protocollo delle categorie prioritarie da vaccinare, che sono gli operatori della sanità, gli operatori e gli ospiti delle Case di Riposo. Nessuna dispersione rispetto a queste tre categorie deve verificarsi. Saranno le uniche a essere vaccinate in questa prima fase.

 

 

Nel primo Vaccino day vaccinati contro il covid donne al 55% e uomini al 45%. La fascia di età più numerosa è stata quella dei sanitari tra 50 e 59 anni con 216 femmine e 122 maschi vaccinati. Territorialmente, le dosi sono state così suddivise: 44 all’Ulss 1 Dolomiti; 105 alla 2 Marca Trevigiana; 110 alla 3 Serenissima; 45 alla 4 Veneto Orientale; 40 alla 5 Polesana; 110 alla 6 Euganea; 45 alla Pedemontana; 90 alla Berica; 90 alla Scaligera; 90 all’Azienda Ospedaliera di Padova; 90 all’Azienda Ospedaliera di Verona; 20 all’Istituto Oncologico Veneto.

 

Leggi anche
Zaia: «Mi vaccinerò quando è il mio turno, tempi maturi per il passaporto sanitario». Intanto è polemica sui dati

Suggerimenti