Coronavirus in Veneto

Zaia: «Scuola, vale la pena rischiare ora?». Vaccino: individuati i primi 171.003 che lo riceveranno

Il video non può essere visualizzato in quanto non è stata accettata la cookie policy.
Zaia punto stampa 26 novembre

Dalla sede della protezione civile di Marghera (Venezia), parla il presidente della regione Luca Zaia sulla situazione legata al coronavirus in Veneto.

 

I DATI

Quasi 60.000 tamponi e quasi 4.000 positivi in Veneto. 50 nuovi ricoverati (ma -1 in terapia intensiva) e 120 dimessi. 44.300 gli isolati

 

IL COMMENTO

«C'è una continua crescita dei contagi perché non c'è attenzione: troppi assembramenti per il black friday, per una tv o un I-Pad»

 

INFERMIERI

«Carenza di infermieri: è stato fatto un accordo perché gli infermieri possano lavorare extralavoro nella case di riposo, anche una sola ora»

 

TERAPIE INTENSIVE

«Eravamo a 494 il 21 febbraio, siamo arrivati a 825 con una delibera regionale, con altri provvedimenti siamo arrivati prima a 877 e infine a 1.000.»

«I pazienti covid più gravi se non ospedalizzati muoiono, è il motivo perché in tanti vengono ospedalizzati»

 

IMPIANTI SCIISTICI E SCUOLA

«Se si chiudono gli impianti, bisogna ristorare e impedire che negli altri paesi si apra».

«Scuola: rischioso aprire il 9 dicembre per richiudere il 22. Vale la pena rischiare? Io sono per la scuola in presenza, ma bisogna riaprire quando è possibile. La discussione non deve diventare un puntiglio politico: non faremmo il bene dei ragazzi e delle loro famiglie»

 

ZONA GIALLA

«Domani è il giorno dei "cambi di colore": con le nomination, sembra di essere al Grande Fratello. Abbiamo la situazione sotto controllo, attendiamo il verdetto»

 

VACCINI ANTICOVID

L'assessore Manuela Lanzarin: «Dovevamo fornire al commissario Arcuri i numeri delle persone da vaccinare, fra personale ospedaliero e case di riposo. Abbiamo aggiunti i numeri delle strutture socio-sanitarie di minori, disabili e tossicodipendenze. 171.003 il totale comunicato ad Arcuri, cifra che va raddoppiata 342.006 dosi di vaccino. Le prime dosi verranno somministrate a metà gennaio»

Riccardo Verzè
# Sposta il focus sul parent