Abolita la storica sentenza Roe v. Wade

La Corte Suprema Usa cancella il diritto all'aborto. Scoppiano le proteste

.
Proteste dopo la decisione della Corte Suprema Usa che cancella il diritto all'aborto
Proteste dopo la decisione della Corte Suprema Usa che cancella il diritto all'aborto
Proteste dopo la decisione della Corte Suprema Usa che cancella il diritto all'aborto
Proteste dopo la decisione della Corte Suprema Usa che cancella il diritto all'aborto

La Corte suprema Usa ha abolito la storica sentenza Roe v. Wade con cui nel 1973 la stessa Corte aveva legalizzato l’aborto negli Usa. Ora quindi i singoli Stati saranno liberi di applicare le loro leggi in materia. Fuori dalla Corte Suprema degli Stati Uniti è scoppiata la protesta, pochi minuti dopo che i massimi giudici hanno abolito il diritto all’ aborto dopo 50 anni. I manifestanti stanno aumentando ogni minuto che passa, c’è anche un contingente di anti-abortisti che si sono abbracciati e hanno esultato alla notizia della decisione della Corte Suprema.

Il divieto di aborto è atteso entrare in vigore in 13 stati americani nei prossimi 30 giorni. Si tratta di stati repubblicani che hanno approvato leggi stringenti sull’ aborto legandole all’attesa decisione della Corte Suprema sulle Roe v. Wade. Ora che la decisione è arrivata e la sentenza del 1973 capovolta, i 13 stati possono vietare l’ aborto in 30 giorni eccetto nei casi in cui la vita della madre è in pericolo.

 

Una decisione «crudele» e «scandalosa». Così la Speaker della Camera negli Usa, la democratica Nancy Pelosi, critica la decisione della Corte Suprema sull’ aborto. Alle elezioni di novembre, aggiunge, ci sono in gioco i diritti delle donne.

«La vita ha vinto». L’ex vicepresidente americano Mike Pence commenta così la decisione della Corte Suprema.

Barack Obama attacca la Corte Suprema sull’ aborto, accusandola di aver «attaccato le libertà fondamentali di milioni di americani» con la sua decisione.