Tifosi invadono il campo, tafferugli con la polizia

Indonesia, scontri dopo la partita di calcio: oltre 180 morti

Molte delle vittime sono morte calpestate nella calca quando si è scatenato il caos a seguito del lancio di lacrimogeni da parte della Polizia
Indonesia, scontri allo stadio dopo una partita di calcio: almeno 182 morti

È di oltre 180 persone morte il bilancio ufficiale degli scontri avvenuti ieri al termine di una partita di calcio in Indonesia. Gli scontri si sarebbero verificati quando i tifosi hanno invaso il campo di gioco al termine di una gara a Malang, nella provincia di Giava Orientale. Molte delle vittime sono morte calpestate nella calca dell’invasione di campo che si è trasformata in tragedia.

Tifosi inferociti e invasione di campo

La follia è esplosa al termine della partita quando migliaia di tifosi dell’Arema Fc sono entrati sul campo di gioco dello stadio Kanjuruhan. Erano inferociti per la sconfitta per 3-2 subita contro i rivali di sempre del Persebaya Surabaya, squadra con cui non perdevano da più di vent’anni.

A quel punto sono intervenuti gli agenti di polizia che hanno provato a calmare gli animi, senza riuscirci. Al lancio dei gas lacrimogeni si è scatenato il caos, seguito dal panico e dal fuggi fuggi generale. Secondo una fonte ospedaliera, tra le vittime ci sarebbe anche un bambino di cinque anni.

Le immagini dall’interno dello stadio mostrano la polizia lanciare un gran numero di gas lacrimogeni e i tifosi scavalcare le recinzioni per mettersi in salvo. Lo stadio ha una capienza di 42 mila spettatori e secondo i dati delle autorità era completamente sold-out.