Catania

La madre: «Ho ucciso io Elena». Ne aveva denunciato il rapimento

Elena e la madre
Elena e la madre
Elena e la madre
Elena e la madre

Ha confessato di avere ucciso la figlia Elena, 5 anni a luglio, ma non ha spiegato come: è quanto emerge dall’interrogatorio di Martina Patti, 23 anni, mamma della bimba  di nemmeno cinque anni della quale la madre aveva denunciato il rapimento «da parte di tre uomini incappucciati e armati» a Tremesteri Etneo, in provincia di Catania. Il cadavere è stato ritrovato in mattinata in un campo.

 

Elena Del Pozzo, la bambina rapita nel Catanese
Elena Del Pozzo, la bambina rapita nel Catanese

Come riporta l'Ansa, il ritrovamento della piccola sarebbe stato possibile grazie alle «pressioni esercitate durante gli interrogatori» dagli investigatori. È stata proprio la madre a fare trovare il corpo di Elena. La notizia è stata confermata dal procuratore di Catania, Carmelo Zuccaro.

 

Il procuratore di Catania, Carmelo Zuccaro, spiega che nell'interrogatorio della notte scorsa la madre era stata lungamente sentita e durante un lungo interrogatorio le erano state contestate varie incongruenze. «Stamattina ha fatto ritrovare il cadavere - aggiunge il procuratore - e adesso stiamo raccogliendo le sue dichiarazioni, presumibilmente confessorie».

 

 

La mamma e la nonna di Elena
La mamma e la nonna di Elena

 

«È mia nipote, non mi toccate, fatemi passare, voglio il suo corpo è mia...». Il nonno paterno di Elena, appena arrivato con la moglie sul posto del ritrovamento del cadavere della nipote. «Non credevamo possibile una cosa del genere. Un rapimento - prosegue - era impensabile. Non si poteva immaginare quello che è successo. Mi sembra tutto così strano, assurdo. La madre di Elena era una ragazza molto chiusa, ma non riesco a spiegarmi il motivo di quello che è accaduto. Ma adesso chi è stato deve pagare, anche chi l'ha eventualmente aiutata».