L'INCHIESTA

Ragazza morta dopo l'asportazione di un neo: arrestato a Genova chirurgo dell'ospedale di Manerbio

L'intervento sarebbe stato effettuato nell'agriturismo senza i dovuti accertamenti istologici. Dopo l'asportazione si sarebbero sviluppate numerose metastasi

Il dirigente medico di chirurgia generale dell'ospedale di Manerbio Paolo Oneda  è stato arrestato dai carabinieri di Genova, insieme al presidente e guida spirituale del centro olistico Anidra di Bordonasca, Vincenzo Paolo Bendinelli. Al centro dell'inchiesta la morte di una ragazza, avvenuta in ottobre all'ospedale San Martino di Genova, dopo l'asportazione di un neo. Tra le accuse - secondo quanto riporta l'Ansa - omicidio volontario con dolo eventuale, violenza sessuale e circonvenzione di incapace.

Secondo le indagini, alla ragazza, che frequentava il centro, il medico avrebbe asportato un neo operando nell’agriturismo gestito dal santone senza i dovuti accertamenti istologici. Dopo l’asportazione, si sarebbero sviluppate numerose metastasi.

Indagata anche una psicologa per concorso in violenza sessuale e circonvenzione di incapace. I carabinieri stanno ancora eseguendo perquisizioni al centro olistico, ma anche a Brescia e a Milano nelle residenze e sedi lavorative dei due arrestati e della psicologa