IL PROCESSO

Morta dopo l'asportazione di un neo: il pm chiede 14 anni per il medico bresciano Oneda

Per Paola Dora, psicologa e sua compagna, la richiesta è di 10 anni di carcere

Sedici anni per Paolo Bendinelli, il "santone" del centro Anidra. Quattordici anni per il medico bresciano Paolo Oneda e dieci anni per ridotto contributo causale per la psicologa bresciana Paola Dora, compagna di Oneda.

Sono le richieste del pm nel processo con rito abbreviato per la morte di Roberta Repetto, l’insegnante di 40 anni a cui fu asportato un neo sul tavolo da cucina del centro olistico di Borzonasca, Genova. La donna, che aveva un melanoma, morì a ottobre del 2020 all’ospedale San Martino di Genova dove era arrivata ormai in condizioni disperate.

Cliccando sul tasto “Abbonati” potrai sottoscrivere un abbonamento a L'Arena e navigare sul sito senza accettare i cookie di profilazione.

Se preferisci invece continuare ad avere accesso gratuito a parte dei contenuti del sito, sostenendo comunque il lavoro dei giornalisti, tecnici e grafici de L'Arena, accetta i cookie di profilazione cliccando "Accetta e continua": ti verranno mostrati annunci pubblicitari in linea con i tuoi interessi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Cookie Policy.

Abbonati