La dichiarazione di Fontana

La Lombardia chiede di chiudere tutto

La dichiarazione di Fontana
L'intervista a Fontana
L'intervista a Fontana
L'intervista a Fontana
L'intervista a Fontana

«Tutti e 12 i sindaci lombardi che dunque meglio conoscono il territorio e la situazione degli ospedali mi hanno incaricato di rivolgermi al Governo per irrigidire le manovre, per creare la distanza sociale per interrompere il contagio. Una domanda forte che mi arriva da tutti i sindaci della Lombardia. Non abbiamo ancora fatto delle richieste, avremo un incontro oggi pomeriggio con il Governo, ma abbiamo parlato di chiusure di attività commerciali, di valutare l’opportunità di sospendere il trasporto pubblico locale, di controllare e capire se esistano aziende la cui attività possa essere sospesa. Bisogna cercare di capire e applicare rigorose misure sanitarie all’interno di attività imprenditoriali che possono proseguire. Queste sono tutte proposte che andremo a fare al Governo, soluzioni che sottoporremo alla valutazione dell’Esecutivo». A dirlo il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, ai microfoni di Sky Tg24.

l calo dei contagi nel Lodigiano «è la dimostrazione che il non stare insieme e il non partecipare ad assembramenti è l’unico mezzo attraverso il quale possiamo bloccare lo sviluppo di questo virus», ha aggiunto Fontana. «Se potessi decidere da solo continuerei a dire ai miei cittadini di essere responsabili, chiuderei il trasporto pubblico e le attività commerciali, individuando quelle attività imprenditoriali che senza creare danni all’economia possono essere chiuse», conclude.