La decisione

L'Aifa: «Stop all'uso di AstraZeneca in tutta Italia». Sospensione anche in Germania, Francia e Spagna

«L'Aifa ha deciso di estendere in via del tutto precauzionale e temporanea, in attesa dei pronunciamenti dell'Ema, il divieto di utilizzo del vaccino AstraZeneca Covid19 su tutto il territorio nazionale». Lo afferma la stessa Agenzia sottolineando che tale decisione «è stata assunta in linea con analoghi provvedimenti adottati da altri Paese europei». Francia e Germania, Spagna e Lussemburgo hanno adottato il provvedimento oggi. Il Regno Unito, invece, tira dritto e prosegue a ritmo accelerato nelle vaccinazioni anti Covid, in barba agli stop imposti all'antidoto AstraZeneca da vari Paesi dell'Ue, e supera i 26 milioni di dosi somministrate: quasi metà delle quali AstraZeneca.

 

AIFA. L'Aifa, in coordinamento con Ema e gli altri Paesi europei, «valuterà congiuntamente tutti gli eventi che sono stati segnalati a seguito della vaccinazione e renderà nota tempestivamente ogni ulteriore informazione che dovesse rendersi disponibile, incluse le ulteriori modalità di completamento del ciclo vaccinale per coloro che hanno già ricevuto la prima dose».

«La decisione da parte di Aifa è stata assunta dopo un colloquio tra il presidente del Consiglio Mario Draghi e il Ministro della Salute Roberto Speranza». Lo affermano fonti del ministero della Salute aggiungendo che durante «la giornata Speranza ha avuto colloqui con i ministri della Salute di Germania, Francia e Spagna».

Leggi anche
Anche la Germania sospende le vaccinazioni con AstraZeneca

 

IL VENETO. «La salute dei cittadini viene prima di tutto. A questo punto è fondamentale fare chiarezza nel più breve tempo possibile». Lo dice all’Ansa il governatore del Veneto Luca Zaia, in merito alla decisione dell’Aifa di sospendere in via precauzionale l’impiego del vaccino AstraZeneca Covid19 sul territorio nazionale.

 

EMA. Il comitato per la farmacovigilanza dell’Ema tornerà a riunirsi domani per raccogliere le ultime informazioni circa i casi di eventi tromboembolici sospetti segnalati dopo la vaccinazione con il vaccino di AstraZeneca. Lo apprende ANSA da fonti vicine al dossier. Gli esperti Ue potrebbero anche non arrivare a un risultato domani, ma risposte definitive sono attese in settimana, precisano le stesse fonti.

 

OMS. «L'Oms ritiene, invece, che i Paesi debbano continuare ad utilizzare il vaccino di AstraZeneca. Sfortunatamente, le persone muoiono di trombosi ogni giorno, la chiave è se questo abbia qualche legame con il vaccino. Al momento non abbiamo riscontrato che ci sia una relazione tra il vaccino e i casi di trombosi rilevati. Infatti, le percentuali di trombosi tra i vaccinati sono addirittura inferiori a quelle della popolazione nel suo complesso. Nessun farmaco è sicuro al 100%, ma bisogna tenere conto dei vantaggi di vaccinare la popolazione». lo ha detto Soumya Swaminathan, scienziato capo dell'Oms, nel briefing da Ginevra.

 

Suggerimenti