Le regole da seguire

Pasqua in zona rossa, controlli rafforzati. Da martedì il Veneto torna in arancione

Stretta di Pasqua, tutta Italia in zona rossa

La mappa di colori e relative misure divide l’Italia quasi perfettamente in due, con Veneto, Marche e la provincia di Trento che si aggiungono alle regioni arancioni, mentre altre nove restano in zona rossa almeno per un’altra settimana.

 

Ma il Paese, fino al 5 aprile, è pronto ad attraversare la parentesi della "stretta di Pasqua", una sorta di lockdown più morbido affinché siano limitati spostamenti e assembramenti durante le festività: in questi tre giorni è vietata la mobilità anche nel proprio Comune, se non per attività motoria vicino a casa o per andare a trovare parenti o amici in massimo di due persone (i minori di 14 anni conviventi non si considerano nel conteggio).

Anche per Verona è dunque la seconda Pasqua di restrizioni, anche se un anno fa erano molto più rigide.

 

Leggi anche
Pasqua e Pasquetta, tutto quello che si può e non si può fare

 

È per questo che, grazie al lavoro di 70mila uomini delle forze dell’ordine in campo previsti, saranno intensificati controlli e posti di blocco in arterie stradali, parchi e spiagge.

 

In generale, Lombardia, Toscana, Emilia Romagna, Calabria, Friuli Venezia Giulia, Piemonte, Puglia, Valle d’Aosta e Campania dovranno ancora aspettare il monitoraggio della prossima settimana prima di poter sperare nell’eventuale uscita dalla zona rossa. Veneto, Marche e la provincia di Trento sono invece state promosse in arancione, con l’ordinanza del ministro della Salute, Roberto Speranza, che entrerà in vigore da martedì prossimo. Lo stesso colore è stato confermato per Lazio, Abruzzo, Liguria, Basilicata, Sicilia, Molise, Sardegna, Umbria e la provincia autonoma di Bolzano.

Nelle zone arancioni riaprono le scuole in presenza fino alla terza media, didattica a distanza al 50% alle superiori.

 

Prima però c’è il week end di Pasqua e Pasquetta, tutto in rosso con regole ancora più severe in alcuni territori: Campania, Puglia e Liguria hanno posto il divieto di accesso alle seconde case per residenti e non residenti. Per quest’ultima "categoria" il divieto è imposto anche in Piemonte, Valle d’Aosta, Alto Adige, Trentino, Toscana, Marche, Calabria e Sardegna. E nell’Isola - così come in Sicilia - si entra solo con tampone negativo effettuato 48 ore prima dell’arrivo.

 

 

Suggerimenti