In vigore da venerdì

Dpcm, linea dura sulle festività: Capodanno con coprifuoco. «Stop anche a spostamenti tra comuni»

Capodanno in piazza Bra nel 2019 (Marchiori)
Capodanno in piazza Bra nel 2019 (Marchiori)

AGGIORNAMENTO ore 11:  Questa mattina nel corso dell'udienza in Senato, il ministro Speranza ha detto: «Dobbiamo disincentivare gli spostamenti tra regioni il 25, 26 e primo gennaio e limitare anche gli spostamenti tra comuni. Dobbiamo affrontare le feste con massima serietà se non vogliamo nuove chiusure a gennaio. Per le feste le limitazioni previste dovranno essere rafforzate» . 

 

Sembra emergere una linea dura per il Dpcm che entrerà in vigore venerdì prossimo e che dovrà contenere le indicazioni in vista delle festività natalizie. Al termine della riunione nella notte tra il premier Conte e i capi delegazione di maggioranza, infatti, non cambierà nulla nelle Regioni che attualmente si trovano in zona gialla, arancione o rossa.

 

Dovrebbe entrare in vigore in prossimità di Natale, però, la «zona gialla rafforzata» per evitare una possibile risalita della curva del contagio. Secondo quanto emerso dovrebbero essere consentiti, forse dal 21 dicembre, gli spostamenti per il rientro dei residenti o per chi fa rientro al domicilio.

 

Niente ricongiungimenti familiari né spostamenti verso le seconde case. Inoltre il 25, il 26 dicembre e il 1 gennaio non saranno consentiti spostamenti tra i Comuni, ma si va verso l’apertura dei ristoranti a pranzo a Natale e Santo Stefano (resta la chiusura alle 18).

 

Rimane il coprifuoco alle 22 sempre, anche nei giorni di festa, Capodanno compreso. Restano invece ancora aperti i fronti riguardanti la possibilità di un ritorno a scuola prima di Natale e quello sulle piste da sci che dovrebbero restare chiuse. Ma, a sorpresa, arriva la decisione sugli alberghi in montagna che resteranno aperti.

 

Per evitare però veglioni e festeggiamenti alle ore 18 del 31 dicembre i ristoranti delle strutture alberghiere dovranno chiudere e sarà consentito solo il servizio in camera. L’ipotesi è che le misure più restrittive per le festività valgano dal 21 dicembre al 6 gennaio, ma non sono escluse variazioni dopo il confronto con il Parlamento e le Regioni. Infine, resterà il coprifuoco dalle 22 e l’apertura dei negozi fino alle 21. La messa di Natale dovrebbe svolgersi alle 20.

 

 

# Sposta il focus sul parent