Dopo Verona e Vicenza, un terzo femminicidio

Donna uccisa a coltellate dall'ex marito nel Bresciano. L'uomo si è costituito

Erano separati da un mese
I rilievi nella casa dell'omicidio ad Agnosine (Brescia)
I rilievi nella casa dell'omicidio ad Agnosine (Brescia)
I rilievi nella casa dell'omicidio ad Agnosine (Brescia)
I rilievi nella casa dell'omicidio ad Agnosine (Brescia)

Una donna, madre di due figli già grandi, è stata uccisa a coltellate questa mattina dall'ex marito. È accaduto ad Agnosine, in Valsabbia, nel Bresciano, dove la vittima si era trasferita da un mese dopo la separazione dal marito. Si tratta di una coppia italiana, entrambi cinquantenni.

Questa mattina l'uomo ha raggiunto l'ex moglie a casa e l'ha colpita più volte con un coltello sulle scale della palazzina, poi si è costituito ai carabinieri.

La donna si chiamava Giuseppina Di Luca, 46 anni, lil marito da cui si stava separando è Paolo Vecchia di 52 anni. L’uomo avrebbe atteso la donna fuori dall’appartamento dove la vittima si era trasferita da circa un mese e l’ha colpita inseguendola lungo le scale con una decina di coltellate. Poi è andato a costituirsi dai carabinieri. La coppia ha due figlie di 21 e 24 anni.

Nel primo interrogatorio l'uomo si è avvalso della facoltà di non rispondere. Dopo essersi costituito, ha fatto trovare anche il coltello ed il pugnale utilizzati per uccidere la donna.

 

È il terzo femminicidio in pochi giorni. Nel Veronese l'uccisione di Chiara Ugolini per mano di un vicino e nel Vicentino una donna uccisa dall'ex marito mentre andava al lavoro.

 

Suggerimenti