Diciannovenne avvelena la cena e uccide il compagno della madre. Lei grave in ospedale

Carabinieri
Carabinieri

I Carabinieri del Nucleo Operativo Radiomobile della Compagnia di Borgo Panigale, nel Bolognese, hanno eseguito un fermo di indiziato di delitto nei confronti di un 19enne italiano, sospettato di aver tentato di uccidere la madre, 56enne italiana e di aver ucciso il suo compagno, anche lui 56enne italiano. Il fatto è accaduto nella tarda serata di ieri a Casalecchio di Reno, nel Bolognese.

 

A dare l’allarme per il delitto avvenuto nella serata di ieri sono stati alcuni vicini di casa, che hanno sentito grida e trambusto provenire dall’appartamento.

 

Il personale sanitario del 118 ha trovato la coppia già in condizioni critiche: il 57enne è deceduto sul posto dopo i tentativi di rianimarlo, mentre la donna è stata portata d’urgenza al Maggiore di Bologna, dove è ricoverata in gravi condizioni.

 

La sostanza che si sospetta il ragazzo abbia utilizzato per avvelenare la madre e il suo compagno deve essere ancora analizzata, ma dalle prime ipotesi si potrebbe trattare di un composto chimico acquistato online e inserito in un piatto di penne al salmone che aveva preparato per cena.

 

Il patrigno, che ha probabilmente mangiato tutto il piatto, non è sopravvissuto, mentre la madre si sarebbe salvata per non averlo terminato. Le ragioni che avrebbero spinto il giovane al gesto non sono ancora state chiarite. Il giovane era in cura da uno psichiatra. Proprio le condizioni psichiche del giovane sono uno degli elementi che gli inquirenti stanno approfondendo, per comprendere le ragioni del gesto.

Suggerimenti