Roma

Ardea, spari in strada: uccisi due bambini e un anziano. Omicida trovato morto in casa

SPARATORIA ARDEA

Colpi d’arma da fuoco in strada ad Ardea, vicino a Roma, poco prima delle 12.

Un uomo ha sparato uccidendo un anziano e due bambini, uno dei quali inizialmente si era sperato di riuscire a salvare nonostante le gravissime ferite riportate.

I bambini sono fratelli, l'anziano è un 84enne. I bambini, di tre e otto anni, stavano giocando davanti a casa, l'anziano stava passando in bici.

 Sul posto i carabinieri di Ardea, Anzio e Pomezia che hanno avviato ricerche: l'omicida è attualmente barricato in casa. Sul posto un negoziatore e squadre specializzate dei carabinieri. Si attende l’arrivo del Gis (Gruppo intervento speciale). Arrivata anche la madre dell’uomo, un 35enne.

Poco prima delle 16 scattata l'irruzione dei carabinieri.

L'omicida è stato trovato morto nell’abitazione dove si era barricato. Secondo le prime informazioni, si sarebbe suicidato.

 

 

LE TESTIMONIANZE

«Pare che il tutto sia nato da una futile lite», ha spiegato all'Ansa il sindaco di Ardea, Mario Savarese. 

Il presidente del consorzio Colle Romito, Romano Catino, ha raccontato: «Abbiamo subito chiamato le forze dell’ordine che sono arrivate molto presto. Poi ho mandato subito un messaggio nella chat del consorzio per invitare tutti a restare in casa. Per fortuna molti dei consorziati erano al mare». «La famiglia dell’omicida - rivela poi - era conosciuta nel quartiere per episodi di molestie e degrado. Più volte sono stati segnalati alle forze dell’ordine. Basti pensare che una persona della nostra vigilanza interna ha il compito di tenere d’occhio quella villetta».

«Hanno denunciato varie volte che quello aveva una pistola e che minacciava di usarla, ma non è mai venuto nessuno». A dirlo è un uomo che abita a 500 metri dalla villetta dell’omicidio di Colle Romito, ad Ardea. «Ora sono venuti tutti, ma quei bambini non ci sono più», aggiunge senza voler dare il proprio nome. La circostanza che lo sparatore avesse minacciato più volte di usare la pistola è stata confermata anche dal sindaco Savarese.

l padre dei due bambini uccisi in strada a Colle Romito ad Ardea è ai domiciliari nello stesso comprensorio, secondo il sindaco della cittadina, Mario Savarese. Tra lo sparatore e le vittime, anche la terza, un anziano nonno dei bimbi, sempre secondo il sindaco, ci sarebbe un rapporto di parentela.

 

 

Suggerimenti