<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=336576148106696&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
La decisione dell'unità di crisi regionale

L'Adige e l'attesa della piena: scuole chiuse in città e in 57 paesi il 3 novembre 2023

Prevista l'apertura, eventuale, della galleria scolmatrice Adige - Garda in caso di necessità
I danni della piena del 31 ottobre a Ponte Nuovo: oggi attesa un'altra onda di piena (Marchiori)
I danni della piena del 31 ottobre a Ponte Nuovo: oggi attesa un'altra onda di piena (Marchiori)
I danni della piena del 31 ottobre a Ponte Nuovo: oggi attesa un'altra onda di piena (Marchiori)
I danni della piena del 31 ottobre a Ponte Nuovo: oggi attesa un'altra onda di piena (Marchiori)

Scuole chiuse, oggi 3 novembre, in 58 dei 98 comuni veronesi, capoluogo compreso, per l’allerta maltempo e l’alto rischio idrogeologico. Ciò significa oltre 90mila ragazzi a casa, considerando che nel Veronese la popolazione scolastica conta 105.036 tra bambini e ragazzi: 6.991 iscritti alla scuola dell’infanzia, 37.354 alla primaria, 24.235 alla secondaria di primo grado e 36.456 alla secondaria di secondo grado. Oltre a circa 20mila alunni che frequentano le scuole paritarie, dall’infanzia alle superiori, e oltre 27mila universitari.

L’attuale andamento degli eventi meteo è sotto stretta sorveglianza da parte del COC e della Centrale operativa del Comando polizia locale di Verona, secondo le indicazioni del sindaco Damiano  Tommasi e dell'assessore alla sicurezza Stefania Zivelonghi, grazie anche alle oltre trecento telecamere di videosorveglianza cittadina.

La decisione di chiudere le scuole è dovuta alla necessità di avere strade maggiormente libere in caso di spostamento mezzi», ha spiegato Zivelonghi. Il governatore Zaia ha ribadito che la fase più cruenta del maltempo era attesa tra il tardo pomeriggio e la serata di ieri e che per oggi questa fase dovrebbe «sgonfiarsi».

I Comuni in cui le scuole restano chiuse

A causa delle condizioni meteo avverse, oggi, 3 novembre, nei comuni veneti in ZONA ROSSA resteranno chiuse le scuole di ogni ordine e grado. La decisione è emersa ieri durante la riunione con i prefetti all’Unità di crisi regionale a Marghera. Lo comunica il presidente della regione Veneto Luca Zaia.

QUI L'ORDINANZA DELLA PREFETTURA DI VERONA

Ecco l'elenco dei Comuni veneti  in cui le scuole chiudono:

🔴 PROVINCIA DI VERONA (Vari comuni + Capoluogo):

Arcole, Cazzano di Tramigna, Montecchia di Crosara, Monteforte d'Alpone, Ronca', San Bonifacio, San Giovanni Ilarione, Soave, Vestenanova, Affi, Badia Calavena, Bardolino, Belfiore, Bosco Chiesanuova, Brentino Belluno, Brenzone sul Garda, Bussolengo, Caldiero, Caprino Veronese, Castelnuovo del Garda, Cavaion Veronese, Cerro Veronese, Colognola ai Colli, Costermano sul Garda, Dolce', Erbezzo, Ferrara di Monte Baldo, Fumane, Garda, Grezzana, Illasi, Lavagno, Lazise, Malcesine, Marano di Valpolicella, Mezzane di Sotto, Negrar, Pastrengo, Pescantina, Peschiera del Garda, Rivoli Veronese, Ronco all'Adige, Rovere' Veronese, San Martino Buon Albergo, San Mauro di Saline, San Pietro in Cariano, San Zeno di Montagna, Sant'Ambrogio di Valpolicella, Sant'Anna d'Alfaedo, Selva di Progno, Sommacampagna, Sona, Torri del Benaco, Tregnago, Valeggio sul Mincio, Velo Veronese, Verona, Zevio.

🔴 PROVINCIA DI BELLUNO: Tutti i Comuni e il Comune Capoluogo

🔴 PROVINCIA DI TREVISO:

Asolo, Borso del Grappa, Caerano San Marco, Cappella Maggiore, Castelcucco, Cavaso del Tomba, Cison di Valmarino, Colle Umberto, Conegliano, Cordignano, Cornuda, Crocetta del Montello, Farra di Soligo, Follina, Fonte, Fregona, Giavera del Montello, Maser, Miane, Monfumo, Montebelluna, Moriago della Battaglia, Nervesa della Battaglia, Pederobba, Pieve del Grappa, Pieve di Soligo, Possagno, Refrontolo, Revine Lago, San Fior, San Pietro di Feletto, San Vendemiano, San Zenone degli Ezzelini, Sarmede, Segusino, Sernaglia della Battaglia, Susegana, Tarzo, Valdobbiadene, Vidor, Vittorio Veneto, Volpago del Montello.

🔴 PROVINCIA DI VICENZA (Vari comuni + Capoluogo):

Altavilla Vicentina, Altissimo, Arsiero, Arzignano, Asiago, Bassano del Grappa, Bolzano Vicentino, Breganze, Bressanvido, Brogliano, Caldogno, Caltrano, Calvene, Carre,' Castelgomberto, Chiampo, Chiuppano, Cogollo del Cengio, Colceresa, Cornedo Vicentino, Costabissara, Creazzo, Crespadoro, Dueville, Enego, Fara Vicentino, Foza, Gallio, Gambellara, Gambugliano, Isola Vicentina, Laghi, Lastebasse, Longare, Lugo di Vicenza, Lusiana Conco, Malo, Marano Vicentino, Marostica, Monte di Malo, Montebello Vicentino, Montecchio Maggiore, Montecchio Precalcino, Monteviale, Monticello Conte Otto, Montorso Vicentino, Mussolente, Nogarole, Vicentino, Nove, Pedemonte, Pianezze, Piovene Rocchette, Posina, Pove del Grappa, Quinto Vicentino, Recoaro Terme, Roana, Romano d'Ezzelino, Rotzo, Salcedo, San Pietro Mussolino, San Vito di Leguzzano, Sandrigo, Santorso, Sarcedo, Schiavon, Schio, Solagna, Sovizzo, Thiene, Tonezza del Cimone, Torrebelvicino, Torri di Quartesolo, Trissino, Valbrenta, Valdagno, Valdastico, Valli del Pasubio, Velo d'Astico, Vicenza, Villaverla, Zane', Zermeghedo, Zugliano.

 

 

La riunione dell'Unità di crisi regionale

Si è svolta infatti nella mattinata di ieri la riunione dell'Unità di Crisi regionale per il maltempo che sta colpendo il Veneto, istituita con decreto dal Presidente Luca Zaia, che ha delegato al coordinamento l’assessore alla Protezione Civile Gianpaolo Bottacin.

Al tavolo, oltre alle strutture regionali, Arpav e Veneto Acque, tutti i principali interlocutori territoriali: le sette prefetture, i Vigili del Fuoco, Anci, Upi, Veneto Strade, Anas, RFI, Anbi, Enel, Terna, Autorità di Bacino del Po e Alpi Orientali.

"La decisione più rilevante - riferisce l'assessore - riguarda le scuole. In tal senso, in condivisione con tutti i partner, abbiamo stabilito la chiusura delle scuole per la giornata del 3 novembre, nei Comuni in Zona Rossa, ovvero tutta la Provincia di Belluno e le aree interessate delle province di Treviso, Vicenza e Verona".

"Abbiamo analizzato il quadro complessivo della situazione - affermava ieri in serata l'assessore Bottacin -, evidenziando che la situazione, pur ben monitorata, è in evoluzione e si aspetta il culmine tra stasera e prime ore di domani".

Durante la riunione si è anche fatto il punto della situazione sui diversi territori ed è stato dato anche un aggiornamento sull'apertura, eventuale, della galleria scolmatrice Adige - Garda in caso di necessità, come concordato con Provincia di Trento, Regione Lombardia e Aipo.

 

2 novembre 2023

Aggiornamento 16.45

Come anticipato, il sindaco Damiano Tommasi sta firmando l’ordinanza contingibile e urgente che prevede la chiusura di tutte le scuole di ogni ordine e grado per venerdì 3 novembre 2023, a seguito di richiesta di valutazione della situazione da parte dalla Prefettura di Verona, al termine del punto presso l’Unità di Crisi della regione Veneto, tenutosi questa mattina, 2 novembre.

«La situazione di criticità in atto per rischio idrogeologico che vede Verona in zona di allerta rossa impone l'adozione di misure straordinarie a tutela della pubblica incolumità e a salvaguardia dei cittadini», scrive in una nota Palazzo Barbieri. «L’attuale andamento di eventi meteo è attualmente sotto stretta sorveglianza da parte del COC e della Centrale Operativa del Comando Polizia Locale di Verona, secondo le indicazioni del Sindaco Tommasi e dell'Assessora Zivelonghi, grazie anche alle oltre 300 telecamere di videosorveglianza cittadina».

 

 

Aggiornamento ore 16.20. La conferma arriva da Palazzo Barbieri: «A causa delle avverse condizioni climatiche, il sindaco Damiano Tommasi sta firmando l’ordinanza che dispone la chiusura per tutta la giornata di domani, venerdì 3 novembre, delle scuole di ogni ordine e grado in tutto il Comune di Verona, dai nidi all’università».

Zaia sul maltempo ottobre novembre 2023

 

Aggiornamento ore 15. Si va verso la chiusura delle scuole domani in Veneto a causa dei rischi del maltempo, partendo dalle province più esposte perturbazione, Treviso e Belluno.

Lo dice all'ANSA il presidente della Regione, Luca Zaia. La raccomandazione sullo stop agli istituti scolastici, è stata inoltrata dall'unità di crisi regionale convocata stamane da Zaia alle Prefetture di Treviso e Belluno.

«Con gli esperti dell'unità di crisi, coordinati dall'assessore Gianpaolo Bottacin - spiega Zaia - stiamo monitorando la situazione costantemente. L'indicazione precauzionale per le scuole potrebbe essere data anche per le province di Vicenza e Verona».

 

Ore 12. Prosegue l'ondata di maltempo in tutto il Veneto (qui l'aggiornamento sulla situazione nel Veronese). È stata istituita l'Unità di Crisi regionale a Marghera. Si valutano eventuali misure per proteggere la popolazione, fra cui anche la chiusura delle scuole, come spiega il presidente Luca Zaia in un'intervista. Decisione che comunque andrà presa in base al meteo.

Fino a venerdì a mezzanotte è stata diramata l'allerta rossa.

Zaia ha anche condiviso alcuni consigli: usare l'auto solo se necessario, non sostare negli interrati, rimanere lontani dai corsi d'acqua.

 

 

Suggerimenti