<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=336576148106696&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
Mondo

Attentato al premier slovacco Robert Fico: ferito a colpi di arma da fuoco, è grave / VIDEO

È successo subito dopo la riunione di governo a Handlova, vicino Bratislava. Arrestato l'aggressore: si tratta di Juraj Cintula
Il premier slovacco Fico ferito a colpi di pistola viene portato via (Foto X/NEXTA)
Il premier slovacco Fico ferito a colpi di pistola viene portato via (Foto X/NEXTA)
Il premier slovacco Fico ferito a colpi di pistola viene portato via (Foto X/NEXTA)
Il premier slovacco Fico ferito a colpi di pistola viene portato via (Foto X/NEXTA)

Aggiornamento ore 19.30 

Chi è l'aggressore di Fico

I media slovacchi identificano il sospetto aggressore del premier slovacco Robert Fico come Juraj Cintula, ex dipendente di una società di sicurezza privata e autore di poesie. Si riporta che Cintula - identificato da alcuni media come un uomo «di sinistra» - sia il fondatore del Club letterario Duha e secondo la sua pagina Facebook è autore di varie raccolte di poesia e di un romanzo.

Secondo il portale Dennik N, otto anni fa annunciò su Internet che stava raccogliendo firme per la fondazione del partito politico Hnutie proti nasiliu, 'Movimento contro la violenza'. «La violenza è spesso una reazione delle persone, come forma di espressione di semplice insoddisfazione per lo stato delle cose. Cerchiamo di essere insoddisfatti, ma non violenti!», aveva scritto all'epoca, riferisce il portale.

Secondo il sito aktuality.sk, possedeva legalmente una pistola e in precedenza aveva lavorato per un servizio di sicurezza privato e durante quel periodo, nel 2016, è rimasto vittima di un'aggressione in un centro commerciale. Il portale è riuscito a parlare con il figlio del sospetto aggressore, che si è detto scioccato e ha confermato che il padre possedeva legalmente una pistola. «Non ho idea delle intenzioni di mio padre, dei suoi piani o del perché sia successo», ha affermato, aggiungendo che suo padre non aveva mai parlato apertamente di attaccare Fico. Solo «non ha votato per lui. Questo è tutto quello che posso dire al riguardo», ha riferito. Il figlio ha anche negato che l'uomo fosse un paziente psichiatrico.

Un conoscente di lunga data e vicino di casa del presunto attentatore che aveva fondato insieme a lui il partito «contro ogni violenza» ha detto, contattato da aktuality.sk, che «sì, aveva una pistola in possesso legale» per via del suo lavoro al servizio di sicurezza. «Sono rimasto scioccato da quello che è successo oggi».

 

***

 

ore 16

Attentato al premier slovacco Robert Fico

Il premier slovacco Robert Fico è stato ferito a colpi di arma da fuoco subito dopo la riunione di governo a Handlova, vicino Bratislava. Fico è stato colpito davanti a un centro culturale della città, dove si era tenuta una riunione di governo. Secondo i giornalisti presenti sul posto, sono stati uditi diversi spari. Il leader slovacco è stato portato in ospedale in gravi condizioni.

Il presunto aggressore è stato arrestato dalla polizia. Fico sarebbe stato colpito all'addome, al petto e ad un arto da almeno 3-4 colpi d'arma da fuoco e sarebbe stato trasportato in eliambulanza in ospedale. Secondo quanto riportano i media, l'attentatore, che si nascondeva tra la folla radunata davanti all'edificio dove stava parlando il primo ministro, è stato fermato da alcuni passanti e dalle forze di sicurezza.

 

 

«Oggi R. Fico è stato vittima di un attentato. Gli hanno sparato più volte ed è attualmente in pericolo di vita. È stato trasportato in elicottero a Banská Bystrica, perché il trasporto a Bratislava richiederebbe troppo tempo a causa della necessità di un intervento urgente. A decidere saranno le prossime ore». Lo si legge in un aggiornamento postato sulla pagina Facebook del premier slovacco Robert Fico e rilanciato dai media slovacchi. Un responsabile del partito Smer del premier slovacco Robert Fico ha confermato al Guardian che il primo ministro è stato colpito all'addome ed è ora sottoposto ad un intervento chirurgico.

 

Il premier slovacco Robert Fico
Il premier slovacco Robert Fico

 

L'Ue denuncia: «Un atto contro nostra democrazia»

«Condanno fermamente il vile attacco al primo ministro Robert Fico. Tali atti di violenza non hanno posto nella nostra società e minano la democrazia, il nostro bene comune più prezioso. I miei pensieri sono rivolti al primo ministro Fico e alla sua famiglia». Lo scrive su X la presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen. Da parte sua, sempre su X, Charles Michel, presidente del Consiglio Europeo ha scritto: «Sono sconvolto dalla notizia dell'attacco al premier slovacco Fico dopo una riunione del gabinetto slovacco a Handlova. Nulla può mai giustificare la violenza o simili attacchi. I miei pensieri sono rivolti al Primo Ministro e alla sua famiglia». «Sono sconvolta dall'orribile attacco al Primo Ministro slovacco Robert Fico a Handlova. A nome del Parlamento europeo, condanno questo atto di violenza. I miei pensieri sono rivolti a lui e alla sua famiglia in questo momento così difficile», ha scritto su X la presidente dell'Eurocamera Roberta Metsola.

Tjani e Salvini: «Siamo vicini a Fico»

«È una cosa preoccupante, la violenza in Europa non dovrebbe esserci». Così il vicepremier e ministro degli Esteri Antonio Tajani, che ha evitato altre considerazioni davanti alle notizie ancora frammentarie sull'aggressione al premier slovacco Robert Fico. «Siamo vicini a Fico. Bisogna capire di cosa si tratta - ha aggiunto Tajani parlando in Transatlantico alla Camera dopo il question time -. È presto per fare commenti, non sappiamo se è un atto terroristico, se è stato uno squilibrato».

Da parte sua, il vicepremier e ministro Matteo Salvini ha scritto sui social: «Siamo vicini al primo ministro della Slovacchia Robert Fico, rimasto ferito in una sparatoria. A lui, alla sua famiglia e al popolo slovacco la nostra affettuosa solidarietà e vicinanza».

Slovacchia, il premier Robert Fico ferito a colpi di pistola

Orban e Vucic scioccati dall'attentato

«Sono rimasto profondamente scioccato dall'atroce attacco contro il mio amico, il primo ministro Robert Fico. Preghiamo per la sua salute e per una rapida guarigione! Dio benedica lui e il suo Paese!». Lo ha scritto su X Viktor Orban. Il presidente serbo Aleksandar Vucic si è detto «scioccato» per l'attentato odierno al premier slovacco Robert Fico. «Sono scioccato per l'attentato a Robert Fico, grande amico della Serbia e mio personale. Caro amico, prego per te e per la tua salute», ha scritto Vucic su X. 

Suggerimenti