Virtus, il commento di Lonardi (De Pietro)