VENVER, il commento di Tavellin