Verona, i giusti della questura