"Tutto andrà bene", da post it e striscioni al libro