Coronavirus, i volti dietro i numeri