EDIFICI VINCOLATI

90% La soluzione per gli edifici vincolati

By Athesis Studio

Qualche giorno fa ci è stata recapitata la richiesta da un nostro cliente per la riqualificazione del proprio condominio in pieno centro storico.

La richiesta era espressamente quella di riuscire ad accedere al bonus maggiore in vigore, il 110%, tuttavia, come già accaduto in altri casi, riqualificare un condomino in una zona vincolata risulta essere un processo molto complicato lungo e tortuoso.

Ma la burocrazia e le nuove guide dell’agenzia delle entrate sono state modificate per agevolare questi interventi accorpando gli stessi ad un’aliquota molto conveniente se pur non la massima, il 90%.

In questo modo ci è stato possibile formulare un’offerta per tutti gli interventi necessari alla riqualificazione energetica dell’immobile, rifacimento delle facciate, installazione del cappotto termico e nuova centrale termica.

Il bonus facciate 90%, grazie al non necessario superamento delle due classi energetiche richieste dal superbonus, risulta quindi essere una valida alternativa al 110%, per gli edifici in zona A e B, che come espresso dal decreto ministeriale n.1444/1968 sono sottoposti a vincoli speciali.

Possiamo inoltre dire che a differenza del bonus facciate precedentemente divulgato, l’aggiornamento è oltremodo vantaggioso poiché permette la cessione del credito o lo sconto in fattura a chi esegue i lavori.

In questo modo general contractor, aziende di settore e tutte le altre figure annoverate nella lista di chi può acquisire il credito, hanno la possibilità di agire su tutte le lavorazioni e riqualificazioni richieste.

Il bonus 90% risulta quindi essere, assieme al bonus 50% di cui abbiamo parlato nel precedente articolo, un ottima alternativa al 110% che pur rimanendo molto allettante, risulta essere anche il più complicato e tortuoso da raggiungere.

 

Per altre informazioni, scrivici o chiamaci.

Cremonesi s.r.l. unipersonale
Via Copernico, 20 - 37135 Verona
T. +39 045 50 99 62
info@cremonesisc.it
www.cremonesisc.it