31 maggio 2020

Veneto

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

21.05.2020

Zaia: «In arrivo
l'ordinanza
sui centri estivi»

Zaia anche oggi in diretta su dati dei contagi, ordinanze e proteste. Come quelle delle scuole dell'infanzia e asili nido che il presidente ospita in conferenza con i loro cartelloni. «Domani conto di firmare una ordinanza che riguarda i bambini, quella sui centri estivi».

 

SCUOLE E NIDI. «Abbiamo fatto le linee guida per i centri estivi, di fronte alla chiusura totale delle scuole abbiamo cercato di prepararci per una possibile apertura. E abbiamo ben chiaro il tema degli asili nido autorizzati, quello che possiamo fare lo facciamo, anche dal punto di vista delle risorse economiche riguardo alle quali abbiamo alcune idee che vi diremo».

 

DATI. «Sono oltre 583mila i tamponi fatti fino ad oggi, 12.045 solo ieri. Calano le persone in isolamento -249 da ieri. I casi sono 19.038 e sono 8 in più di ieri. I ricoverati sono 566 (-9) e 46 in intensiva (-1). I morti sono 1.841 di cui 1.337 in ospedale. Le donazioni sono ora oltre 38mila per un totale di 57milioni e 600mila»

 

ASSEMBRAMENTI. «Siamo ancora subissati da foto e video di assembramenti nelle piazze e città italiane con il clima di festa. Noi siamo molto preoccupati perché il rischio di contagio è ancora alto. Siamo attenti a monitorare il modello matematico e se ci saranno casi di infezioni dovremmo pensare a restrizioni e quarantene se ci sono focolai evidenti»

 

CHIUSURE. «Al momento non prevedo di fare ordinanze per chiudere i locali. La riterrei una sconfitta perché vorrebbe dire che i cittadini veneti non hanno capito l'importanza di tenere la mascherina che è un presidio che al momento salva la vita»

 

TURISMO. «Molto preoccupati perché la crisi fa perdere 50mila posti di lavoro di cui 35mila mila del turismo che è la prima industria del Veneto. Il tema delle frontiere è delicato, mi auguro che ci sia un Schengen sanitario perché per il turismo la quarantena è improponibile. Stiamo parlando di numeri enormi. Mi auguro che il ministro degli Esteri faccia parte in modo importante del tavolo europeo. Spero che si finisca di leggere di "corridoi" che non riguardano l’Italia. Pensare che Germana e Austria facciano un corridoio turistico sulla Croazia e non sulla destinazione tradizionale, è incredibile. La piazza virtuale sarà ingolfata delle diverse proposte turistiche, quindi bisogna calibrare una campagna che sia portata avanti da testimonial internazionale e non sia convenzionale per non perderci nel mare magnum»

 

DECRETO ZONE ROSSE. «Il decreto dice che per almeno tre giorni l'area deve essere stata zona rossa. Ricorreremo dappertutto perché questo decreto è assolutamente imbarazzante quello che sta accadendo, con un decreto cambiato con un errata corrige. Decreto offensivo per il Veneto. A fronte di 200milioni stanziati non mi puoi dire che non va niente al Veneto che ha avuto 1.847 morti e 19 mila malati»

 

APP IMMUNI. «L’app nazionale è oggetto dell’incontro tra i presidenti di Regione per capire gli aspetti sperimentali da mandare avanti, purtroppo è partita male come consenso pubblico. Si è atteso troppo e lasciato troppo andare la discussione sulle giuste preoccupazioni di privacy e gestione dati. Se non si recupera avrà grosse difficoltà a decollare. Noi come Regione lavoriamo sulla biosorveglianza, non sulla tracciabilità dei contatti».

 

 

 

Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Necrologie