07 agosto 2020

Veneto

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

18.04.2019

Trova hashish
alla figlia e la picchia
facendola sanguinare

Un vicentino di 43 anni dovrà presentarsi a processo per rispondere di lesioni aggravate. Nel dicembre di due anni fa avrebbe riempito di botte la figlia di 15 anni, che era stata costretta a farsi medicare e che era guarita dopo due settimane. A sporgere denuncia era stata la mamma separata dal compagno.

L’imputato avrebbe alzato le mani dopo aver scoperto, per la seconda volta in pochi mesi, dell’hashish nello zaino scolastico della figlia, e per punirla e farle capire che stava sbagliando l’aveva prese a sberle, in casa, facendola piangere e sanguinare

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Necrologie