11 agosto 2020

Sport

Chiudi

08.07.2020

Tezenis sceglie il settebello E c’è il rinnovo di Tomassini

Giovanni Tomassini e Guido Rosselli, punti fermi per il futuro Tezenis FOTOEXPRESS ZATTARINRinnovo in vista anche per Giovanni SeveriniGiovanni Pini di ritorno a Verona  FOTOEXPRESS
Giovanni Tomassini e Guido Rosselli, punti fermi per il futuro Tezenis FOTOEXPRESS ZATTARINRinnovo in vista anche per Giovanni SeveriniGiovanni Pini di ritorno a Verona FOTOEXPRESS

Settebello Tezenis. La Scaligera riparte dai suoi magnifici sette. Andrea Diana a condurre. Poi le conferme, sul campo, di Rosselli, Jones, Candussi, ieri Tomassini, e nei prossimi giorni Severini e il giovane Guglielmi. Sette dai quali ripartire. Sette sui quali ricostruire. Con roster, a dire il vero, quasi completo. Perchè nelle prossime ore verrà formalizzato anche il ritorno a casa di Giovanni Pini. Con l’innesto del play Caroti, già annunciato poco tempo fa, al general manager restano poche cose da sistemare. La più importante: la scelta della guardia Usa. GUARDIA USA. E in merito proprio all’esterno da consegnare a coach Diana, in queste ore - tra gli altri - sono venuti in emersione i profili di tre giocatori: Bernard Thompson, classe 1993, ultima stagione agli ungheresi del Sopron. Poi Christian James, classe ’96, in uscita da Agrigento e a chiudere Jimmy Baron, classe ’86, free agent dopo l’ultima stagione ai francese del Chalons Reims. La lista resta molto lunga. E la scelta, comunque, non dovrebbe arrivare prima della fine di questo mese. Ma Giuliani è sempre attivo, e quindi è meglio aspettarsi di tutto. RIECCO TOMASSINI. Ieri, intanto, la conferma. Anche Giovanni Tomassini continuerà a vestire la maglia della Tezenis Verona. Il playmaker e la società gialloblù hanno ridefinito il contratto in essere, proseguendo così la propria avventura assieme. «Tomassini ha dimostrato fermamente di voler rimanere con noi» ha commentato il general manager, Alessandro Giuliani, «nonostante l’interesse di formazioni dalla categoria superiore. Ha vinto la volontà di andare avanti e dobbiamo ringraziare anche Giovanni per aver compreso il momento attuale. Lo scorso campionato ha dimostrato tutta la sua determinazione completando un lungo percorso di riavvicinamento al campo, arrivando poi ad essere un punto di riferimento nel nostro finale di stagione. Proprio per questo abbiamo deciso di affidare a Giovanni la guida della squadra perché ha dimostrato di essere sempre più in crescita da un punto di vista fisico e di leadership». SEMPRE VERONA. Tomassini ha vinto la sua scommessa. Così come la Scaligera, che aveva deciso di puntare sul playmaker, reduce da una lunghissima pausa forzata causa infortunio. L’impatto con il nuovo mondo è stato molto buono. Il percorso di Tomassini, prima dello stop dovuto al lockdown, presentava ampi margini di crescita. Chiusa ufficialmente la stagione, le parti hanno capito che proseguire insieme era cosa giusta da fare. OPPORTUNITÀ. «Sono molto contento» ammette proprio Giovanni Tomassini, «non sono mai uscito dall’idea di essere un gialloblù. Abbiamo perfezionato il contratto dello scorso anno e sono molto contento dell’accordo. Personalmente sono stato contattato da qualche squadra di Serie A ma il mio obiettivo è sempre stato quello di rimanere a Verona, qui ho vissuto mesi importanti che sicuramente hanno lasciato il segno». Tomassini, nato a Cattolica il 31 maggio del 1988, nel suo primo anno con la Tezenis Verona ha collezionato 22 presenze con 7.2 punti e 2.7 assist per match. A conti fatti, la Tezenis ha deciso di puntare molto sul passato. Rispetto all’ultima stagione, non fanno più parte del roster di Diana il capitano Mitch Poletti e la guardia Kenny Hasbrouck, con i quali non è stato trovato un accordo economico per il futuro. Mattia Udom ha sposato la causa di Brindisi. Non rientrano nei piani della società del presidente Gianluigi Pedrollo nemmeno Bobo Prandin e Federico Loschi, arrivati a stagione in corso. SOTTO A CHI TOCCA. La scaletta Tezenis, adesso, è ben delineata. Nel giro di pochi giorni verrà reso ufficiale il ritorno a Verona di Giovanni Pini, alla Virtus Roma nell’ultima parte di stagione. A seguire, il club di via Cristofoli ufficializzerà pure le riconferme di Giovanni Severini e Davide Guglielmi. In merito all’under da inserire sotto canestro (un secondo under potrebbe essere preso per rinfoltire il pacchetto esterni), è uscito il nome di Giorgio Calvi, vent’anni, origini milanesi, approdato nel 2016 alla Don Bosco Livorno e reduce dall’esperienza all’Andrea Costa Imola, in serie A2. •

Simone Antolini
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie A

CLASSIFICHE
RISULTATI
Juventus
77
Atalanta
71
Inter
71
Lazio
69
Roma
57
Milan
56
Napoli
53
Sassuolo
48
Hellas Verona
45
Bologna
43
Cagliari
42
Parma
40
Fiorentina
39
Sampdoria
38
Torino
37
Udinese
36
Genoa
30
Lecce
29
Brescia
21
Spal
19
Brescia - Spal
Cagliari - Sassuolo
1-1
Fiorentina - Torino
Genoa - Lecce
Hellas Verona - Atalanta
1-1
Juventus - Lazio
Milan - Bologna
5-1
Napoli - Udinese
Parma - Sampdoria
Roma - Inter