22 luglio 2019

Sport

Chiudi

03.12.2018

Roata, voce degli sport paralimpici «Niente compassione o pregiudizi»

Lorenzo Roata con il giornalista Claudio Arrigoni al Festival della cultura paralimpicaRoata con  Stella Calà, vedova di Antonio Maglio padre della sport terapiaLorenzo intervista Matt Scott, tra i migliori giocatori di basket
Lorenzo Roata con il giornalista Claudio Arrigoni al Festival della cultura paralimpicaRoata con Stella Calà, vedova di Antonio Maglio padre della sport terapiaLorenzo intervista Matt Scott, tra i migliori giocatori di basket

Lorenzo voleva fare il magistrato. «Sinceramente non so il perché», racconta Lorenzo Roata, giornalista veronese ideatore, curatore e conduttore del programma giornalistico SportAbilia, contenitore della Rai dedicato agli sport paralimpici. «Fin da molto piccolo ho sempre avuto uno spietato senso di giustizia e, nella mia fantasia di bambino, i magistrati erano quelli che decidevano cosa fosse giusto e cosa no. Ricordo che, a 11 anni, attaccai un professore perché favoriva gli studenti di buona famiglia e penalizzava i figli dei portinai. Sono cresciuto con l’esempio di mio padre, sempre in prima linea nel sociale e credo abbia condizionato molto tutte le mie scelte». Roata approda nel giornalismo presto. «Avevo 16 anni quando, con tre compagni di classe del liceo Maffei, andai a propormi come DJ a Radio Città 1 di San Massimo. I miei amici finirono a metter su dischi, io invece fui scelto per leggere i radiogiornali. E ne ero felice perché mi è sempre piaciuto raccontare i fatti e le notizie nel giusto modo». Radio Città 1, Telenuovo, RadioVerona, RadioAdige. Cronaca nera, spettacoli, sondaggi, sport, colore, tradizione e folklore. Lorenzo Roata ha le suole consumate, sotto le scarpe. «A vent’anni ero una furia assoluta. Facevamo la prima riunione di redazione alle 9 del mattino e andavo a dormire a notte fonda. Ho avuto la fortuna di vivere gli anni in cui Verona, dal punto di vista sportivo, era sulla cresta dell’onda. L’Hellas allenato da Valcareggi, il grande basket della Vicenzi biscotti. Ricordo la mia prima radiocronaca per Radio Verona. A quel tempo premevi un tasto ed eri in diretta. Era il 1978, in campo l’Italia sperimentale. Partita d’esordio di Rossi e Cabrini in maglia azzurra. Mi comperai un biglietto in tribuna e pigiai il bottone. La nostalgia è forte». L’approdo in Rai avviene quasi per caso. «Mi ero licenziato da TeleNuovo. Ero disoccupato da quattro mesi quando accettai una sostituzione nella sede regionale di Rai Trentino. Ed eccomi qui». Lorenzo e il suo programma “SportAbilia” sono tornati in onda su Rai Sport HD, per il diciassettesimo anno consecutivo, nelle scorse settimane. «Dopo dieci anni di cronaca per Rai Trentino, sono arrivato a Rai Sport. Ho raccontato ormai 10 olimpiadi e altrettante paralimpiadi, ho commentato il Giro d’Italia e ora, da anni, racconto il mondo dello sport dei disabili. Sono giornalista, non un assistente sociale. La disabilità è un semplice regolamento dentro al quale gli atleti devono misurarsi, con le gioie della vittoria e i dolori della sconfitta. Senza pregiudizio e senza compassione. Non avere una gamba, essere ciechi o in carrozzina sono solo requisiti richiesti dal regolamento per partecipare a quella competizione. Punto. E se proprio avessi una pistola puntata alla tempia e dovessi scegliere, preferisco affrontare l’arroganza, la violenza e la volgarità del pregiudizio di chi crede che quello che racconto non sia sport piuttosto di un comportamento compassionevole. Perché dalla compassione non ne esci e non c’è discussione. E la compassione è proprio quello che gli atleti non vogliono». Oggi è la giornata mondiale della disabilità. Sono sempre più gli atleti disabili che praticano sport, con risultati eccellenti. Una su tutte, la veronese Porcellato. «Francesca è la più grande atleta in carrozzina che ci sia al mondo», conclude, «l’unica ad aver vinto tre paralimpiadi in tre sport diversi. Gigantesca. Non mi stupirei gareggiasse anche a Tokyo. Staremo a vedere». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Serena Marchi
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie A

CLASSIFICHE
RISULTATI
Juventus
90
Napoli
79
Atalanta
69
Inter
69
Milan
68
Roma
66
Torino
63
Lazio
59
Sampdoria
53
Bologna
44
Sassuolo
43
Udinese
43
Spal
42
Fiorentina
41
Cagliari
41
Parma
41
Genoa
38
Empoli
38
Frosinone
25
Chievoverona
17
Atalanta - Sassuolo
3-1
Bologna - Napoli
3-2
Cagliari - Udinese
1-2
Fiorentina - Genoa
0-0
Frosinone - Chievoverona
0-0
Inter - Empoli
2-1
Roma - Parma
2-1
Sampdoria - Juventus
2-0
Spal - Milan
2-3
Torino - Lazio
3-1