13 agosto 2020

Sport

Chiudi

04.08.2009

Selva, zampata in mischia Il Verona va


 L'azione decisiva: Selva, in mischia, supera Bertagna. Il Verona passa al secondo turno di Coppa Italia, atteso dal Piacenza FOTO EXPRESS
L'azione decisiva: Selva, in mischia, supera Bertagna. Il Verona passa al secondo turno di Coppa Italia, atteso dal Piacenza FOTO EXPRESS

Luca Mantovani
LA SPEZIA
Piace l'Hellas che soffre. Servono più di cento minuti ai gialloblù per battere lo Spezia ma la rete di Andy Selva nel secondo tempo supplementare regala un po' di entusiasmo in più agli ottomila tifosi del Verona che hanno già sottoscritto l'abbonamento al campionato e a tutti quelli che sono pronti a dare fiducia alla squadra allestita da Martinelli e Bonato per puntare direttamente alla serie B. Ma la partita di Spezia conferma che non ci sono sfide facili in questo momento della preparazione e anche una squadra appena ripescata in Seconda Divisione può diventare un ostacolo che nasconde mille insidie.
Remondina non regala novità all'inizio della gara. In porta Rafael, difesa a quattro con Ceccarelli e Sibilano centrali, Cangi e Pugliese sulle fasce. Burato in cabina di regia con Garzon e Campisi a sostegno, tridente offensivo con Berrettoni a sinistra, Ciotola a destra, Selva fa il punto di riferimento in area avversaria. Rantier e Comazzi sono infortunati, Esposito è in ritardo di preparazione, Farias non ha ancora il visto, Mancinelli non è stato nemmeno convocato per scelta tecnica.
Grande festa in casa spezzina dopo il ripescaggio in Seconda Divisione, Attilio Lombardo propone una squadra con tanti giovani e due «chiocce» come Grieco e Scantamburlo in attesa di nuovi colpi di mercato. Ma partono meglio i gialloblù: Berrettoni è ispirato e i difensori bianconeri quando non bastano le buone fanno ricorso alle cattive. Al 7', l'ex del Bassano offre una buona palla a Selva, pronta la girata, palla alta sopra la traversa.
La partita non decolla, le due squadre si studiano e i fraseggi in mezzo al campo sono precisi ma non sufficientemente rapidi. Al 28' lampo gialloblù: Selva conquista palla in mezzo al campo, tocco per Ciotola, grande giocata sulla fascia, assist perfetto per Berrettoni a due passi da Bertagna. Destro al volo, il portiere dello Spezia respinge di piede. Il primo tempo si chiude con il Verona in avanti ma gli attaccanti gialloblù non trovano lo spunto buono per mettere in difficoltà la retroguardia di casa.
La ripresa rispetta il copione del primo tempo. Ritmi bassi, Verona che mostra buone geometrie, Spezia che ribatte colpo su colpo. Al quarto d'ora buono spunto di Ciotola che viene messo giù in area, i gialloblù chiedono il rigore, l'arbitro fa proseguire ma l'esterno del Verona deve abbandonare il campo per infortunio. Al suo posto Gomez. Cambia anche Lombardo: fuori il giovane Cintoi, dentro un altro giovanissimo, Mattia Baldini, figlio di Silvio, ex allenatore del Chievo.
Al 20' occasionissima per lo Spezia. Punizione di Grieco che pesca tutto solo Ronchetti sul secondo palo, il colpo di testa è impreciso, palla fuori. Scampato pericolo.
Il Verona cala il ritmo, lo Spezia ne approfitta e sfiora il vantaggio intorno alla mezzora. Palla in area di Grieco, uscita imprecisa di Rafael, Lazzaro cerca di approfittarne solo davanti alla porta libera, Ceccarelli rimedia a pochi passi dalla linea.
L'Hellas reagisce, Remondina ritocca il centrocampo con Pensalfini al posto di Campisi. Passano pochi minuti e l'ex del Sassuolo mette un gran palla per Cangi che sbaglia l'incornata vincente a due metri da Bertagna. Subito dopo ci prova ancora Pensalfini con una bella girata, respinge un difensore, Gomez prova il sinistro, Bertagna mette in angolo.
A pochi minuti dal 90' fiammata di Frateschi che trova Lazzaro in area, il numero 10 bianconero si gira in area ma il tiro è debole e Rafael para senza difficoltà. All'ultimo minuto spunto di Gomez, assist per Selva, destro preciso del bomber arrivato dal Sassuolo, palla sulla traversa. Che brivido.
Si va ai supplementari. Il Verona ci prova con tanta buona volontà e senza troppe idee, la stanchezza del ritiro si fa sentire. Dopo 8 minuti lo Spezia ha la palla buona con Del Padrone, Rafael mette in corner. Pochi secondi dopo gran destro di Triglia dal limite, il portierone brasiliano si supera e rimedia ancora in angolo.
Remondina vuole vincere la partita, nei minuti finali del primo tempo supplementare manda in campo anche Scapini vicino a Selva e cambia modulo con Gomez fantasista alle spalle delle due punte. La mossa porta buoni frutti. All'inizio del secondo tempo supplementare l'Hellas sfiora il vantaggio con Scapini su «imbeccata» di Selva. Al 6' il Verona passa: Corner di Gomez, mischia in area, la palla finisce a Selva che batte Bertagna e regala ai gialloblù la qualificazione al secondo turno di Coppa Italia. Domenica c'è il Piacenza, primo esame di serie B.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie A

CLASSIFICHE
RISULTATI
Juventus
77
Atalanta
71
Inter
71
Lazio
69
Roma
57
Milan
56
Napoli
53
Sassuolo
48
Hellas Verona
45
Bologna
43
Cagliari
42
Parma
40
Fiorentina
39
Sampdoria
38
Torino
37
Udinese
36
Genoa
30
Lecce
29
Brescia
21
Spal
19
Brescia - Spal
Cagliari - Sassuolo
1-1
Fiorentina - Torino
Genoa - Lecce
Hellas Verona - Atalanta
1-1
Juventus - Lazio
Milan - Bologna
5-1
Napoli - Udinese
Parma - Sampdoria
Roma - Inter