15 agosto 2020

Sport

Chiudi

12.10.2009

Selva fa tris L'Hellas esalta il Bentegodi


 Selva show al Bentegodi, Andy la Belva mette a segno una tripletta e guida il Verona alla vittoria sull'Andria FOTOSERVIZIO EXPRESS
Selva show al Bentegodi, Andy la Belva mette a segno una tripletta e guida il Verona alla vittoria sull'Andria FOTOSERVIZIO EXPRESS

Un tempo da Cenerentola, un altro da Regina. Il Verona prima piange e poi sorride. Al novantesimo i gialloblù festeggiano la quarta vittoria consecutiva e i tifosi cantano. Va al tappeto anche l'Andria va ma i pugliesi hanno il merito di aver messo paura alla truppa di Remondina per quarantacinque minuti. Vanno in vantaggio all'inizio della partita, alzano un bunker «dinamico» davanti all'area di rigore, mandano in tilt il dispositivo difensivo veronese con la rapidità di Ousmane Sy e l'intelligenza tattica di Rizzi, rischiano di chiudere la partita alla fine del primo tempo ma la grande parata di Rafael sbatte le porte in faccio ai ragazzi di Papagni.
Nella ripresa cresce Selva e cambia il Verona, splendida la tripletta di Andy la Belva che rilancia la squadra verso i quartieri alti della classifica, a un punto dal Portogruaro capolista.
Ora i «fedelissimi» preparano la trasferta in massa in terra emiliana per sostenere l'Hellas contro la Reggiana ma alla fine del primo tempo si vedevano solo musi lunghi. Non c'era molto da stare allegri vista la prestazione della squadra. Un passo indietro importante rispetto alle ultime partite anche se Remondina non tocca la formazione titolare, vanno in campo i «soliti noti».
Rafael in porta, quattro in linea davanti - Cangi, Ceccarelli, Comazzi e Pugliese - Russo e Pensalfini in mezzo con Esposito in regia, Selva, Berrettoni e Ciotola nel tridente d'attacco. Papagni risponde con il velocissimo Ousmane Sy in avanti, Rizzi tra le linee attento a marcare Esposito da una parte all'altra del campo, tre a centrocampo e tre difensori centrali con due esterni (Pierotti da una parte e Doumbia dall'altra) pronti ad abbassarsi per formare una linea difensiva a cinque. Le squadre si stanno ancora studiando e l'Andria passa in vantaggio. Lancio lunghissimo per Sy, l'attaccante africano con passaporto francese brucia Comazzi sullo scatto, entra in area e batte a rete, c'è un tocco del difensore gialloblù, Rafael è spiazzato, palla in fondo al sacco. Per la prima volta della stagione il Verona va sotto. Un'altra prova di maturità per l'Hellas di Remondina. I risultati non sono buoni, almeno fino al termine del primo tempo. Gran confusione in mezzo, tanti passaggi sbagliati, qualche sbandamento di troppo in difesa. Il tridente non incide, Berrettoni e Ciotola giocano con i piedi sulla linea laterale, Selva è solo in mezzo. Un paio di tiri dal limite, una bella conclusione di Berrettoni respinta da Mennella, nulla più, il Verona è tutto qui. L'Andria, invece, è vivo, quando riparte con Sy per Ceccarelli e Comazzi son dolori, alla fine del primo tempo il raddoppio sembra cosa fatta. L'attaccante dei pugliesi se ne va a destra, palla in mezzo, Rizzi colpisce a botta sicura, paratissima di Rafael che respinge.
Remondina capisce che così non va. All'inizio della ripresa toglie Ciotola e manda in campo Colombo, cambia il modulo e fa giocare Berrettoni da fantasista alle spalle delle due punte. L'Hellas sembra un'altra squadra, inizia l'assedio all'Andria, Sibilano e compagni si salvano con tanta determinazione e un po' d'affanno ma dopo pochi minuti arriva il pari. Berrettoni scende a destra, tocco per Colombo, girata di destro, Mennella respinge, Selva è lì e fulmina il portiere.
L'Andria si sgretola, Remondina gioca anche la carta Rantier, Berrettoni esce, il francesino gioca alle spalle di Selva e Berrettoni. Al quarto d'ora il raddoppio gialloblù. Questa volta tocca a Russo trovare gloria sulla destra, perfetto il cross in mezzo, Selva sposta Ceppitelli con un spinta e colpisce di testa. Mennella è battuto, i pugliesi protestano vivacemente ma l'arbitro convalida la rete.
Per non lasciare troppi dubbi Andy la Belva decide di completare l'opera nell'unico modo che conosce. Il cross arriva ancora da destra, questa volta l'assist è di Esposito, Selva stacca in mezzo all'area tra due giocatori avversari, colpo di testa perfetto, la palla sbatte sull'interno del palo e rotola in rete. Manca ancora mezz'ora alla fine ma la partita si chiude qui. L'Andria non ha più la forza di reagire, il Verona controlla senza strafare, conserva energie e non umilia gli avversari. Le «grandi» possono permetterselo.
Luca Mantovani

Luca Mantovani
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie A

CLASSIFICHE
RISULTATI
Juventus
77
Atalanta
71
Inter
71
Lazio
69
Roma
57
Milan
56
Napoli
53
Sassuolo
48
Hellas Verona
45
Bologna
43
Cagliari
42
Parma
40
Fiorentina
39
Sampdoria
38
Torino
37
Udinese
36
Genoa
30
Lecce
29
Brescia
21
Spal
19
Brescia - Spal
Cagliari - Sassuolo
1-1
Fiorentina - Torino
Genoa - Lecce
Hellas Verona - Atalanta
1-1
Juventus - Lazio
Milan - Bologna
5-1
Napoli - Udinese
Parma - Sampdoria
Roma - Inter