10 agosto 2020

Sport

Chiudi

15.09.2019

Juric suona la carica Un Hellas da battaglia preoccupa il Diavolo

Pierluigi Pizzaballa festeggia gli 80 anni
Pierluigi Pizzaballa festeggia gli 80 anni

Passo corto e rapido nel corridoio interrato del centro sportivo «Il Paradiso» di Peschiera e via dentro la saletta dedicata alle inteRviste. Ivan Juric è sorridente. «Innanzitutto» ci dice, «perché i ragazzi hanno lavorato bene in settimana e poi perché ho la possibilità di scegliere i giocatori». CHI CONTRO IL DIAVOLO? «La formazione? No, dai non chiedetemela». Quel ma è tutto un programma, lascia intendere Juric che non stravolgerà l’assetto vincente di Lecce. Pessina, l’uomo del gol da tre punti, ci sarà? «Ma vediamo può essere». Ed invece non è così scontato, come non è scontato che in campo dal primo minuto vi sia Stepinski, l’ultimo arrivato. Possibile mister un trequartista con due punte? «Guardate che Zaccagni a Lecce, ha fatto la seconda punta. Vedremo non cambia molto la formula uno più due o due più uno». Sembra sincero l’allenatore gialloblù. «Abbiamo lavorato bene durante gli allenamenti» continua Juric, «nonostante l'assenza dei nazionali. Siamo molto fiduciosi e puntiamo a fare una buona prestazione. Feeling con la squadra? Lavoriamo duramente giorno per giorno, sono molto contento. C'è grande impegno». MILAN BATTIBILE. Juric ha studiato a lungo la squadra di Giampaolo e forse gli è venuto il mal di testa, visto che i rossoneri appaiono un cantiere aperto. Al momento delle big quella con più punti deboli. «Dovremo avere la testa libera e dare il massimo» spiega il mister gialloblù, «per cercare di creare problemi al Milan. Stepinski? Sta bene fisicamente e lavora duramente. Ha voluto l'Hellas. Vedremo». Ma Juric ha molta fiducia anche in Samuel Di Carmine, pronto al rientro. È un attaccante completo che ha voglia di dimostrare ciò che vale sul palcoscenico più importante. Sono un po’ in difficoltà sulle scelte da fare». DIFESA E RIPARTENZE. Due anni fa il derelitto Verona di Pecchia riuscì a rifilare tre reti al Diavolo. Il Bentegodi è sempre stato un campo difficile per i rossoneri e stasera ci sarà un grande pubblico. «Il Milan è una squadra forte» puntualizza Juric, «ma dobbiamo anzitutto credere in noi stessi. Vogliamo positività e tanto calore da parte del nostro pubblico, e anche questa volta sono certo non mancherà. Giampaolo mi ha fatto i complimenti? Fa sempre piacere e tra di noi c'è profondo rispetto e stima fin dalle prime volte che ci siamo affrontati e non soltanto a Genova. L'obiettivo è preparare varie alternative per mettere in difficoltà il Milan puntando sulla fase difensiva e sulle ripartenze». FATAL VERONA. Invitati personalmente da Setti, stasera al Bentegodi ci saranno ventiduemila spettatori e molti «eroi» di quel famoso 5 a 3 del 20 maggio ’73 che non è entrato solo nella storia del Verona ma del calcio italiano. Guidati da Franco Nanni, uscito sul 3 a 0 per infortunio e sostituito da Cozzi, ci saranno anche altri protagonisti come Livio Luppi, Franco Bergamaschi e Pierluigi Busatta. I precedenti in totale sono. I gialloblù sono risultati spesso vincitori al Bentegodi mentre a San Siro hanno pareggiato una dozzina di volte ma non sono mai riusciti a spuntarla. Il Milan ha lasciato sul campo del Verona due scudetti. Uno in pratica già vinto, quello della stella del ’73 e l’altro invece più difficile da ottenere con il Napoli di Maradona in agguato. Ma i rossoneri hanno perso l’anno dello scudetto del Verona ed in serie B nel ’80/’81 solo una rete di Battistini al novantesimo pareggiò il vantaggio gialloblù di Tricella. Recenti le vittorie firmate da Pazzini, un ex, e Kean. In panchina c’erano Delneri e Pecchia. In totale al Bentegodi sono state giocate 34 gare con 13 vittorie, dodici pareggi e nove successi dei rossoneri. L’ultima vittoria dell’Hellas risale al torneo 2017/’18 con un tris firmato da Caracciolo, Kean e Bessa, mentre il Milan vinse nel 2014/’15 per 3 a 1. Per i gialloblù segnò Lopez.Impossibile infine dimenticare la prima partita della stagione 2013/’14 quando arrivò il Milan di Balotelli ma fu il vecchio leone Toni ad essere protagonista con una bella doppietta. Per l’Hellas di Mandorlini iniziò la favola dei 100 punti. •

Gianluca Tavellin
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie A

CLASSIFICHE
RISULTATI
Juventus
77
Atalanta
71
Inter
71
Lazio
69
Roma
57
Milan
56
Napoli
53
Sassuolo
48
Hellas Verona
45
Bologna
43
Cagliari
42
Parma
40
Fiorentina
39
Sampdoria
38
Torino
37
Udinese
36
Genoa
30
Lecce
29
Brescia
21
Spal
19
Brescia - Spal
Cagliari - Sassuolo
1-1
Fiorentina - Torino
Genoa - Lecce
Hellas Verona - Atalanta
1-1
Juventus - Lazio
Milan - Bologna
5-1
Napoli - Udinese
Parma - Sampdoria
Roma - Inter