11 agosto 2020

Sport

Chiudi

09.07.2020

Juric alla caccia grossa: «L’Inter
è fortissima Datemi il mio Hellas»

L’allenatore gialloblù Ivan JuricFOTOEXPRESS
L’allenatore gialloblù Ivan JuricFOTOEXPRESS

Ivan Juric è uno spasso, anche se mancano le conferenze pre-partita nel bunker di Peschiera. «Non parlate di me, ma della squadra. Io ho le idee chiare per quest’anno e la prossima stagione». Poche parole a confermare quanto già pubblicato e cioè avanti per altre due stagioni con l’Hellas.

 

QUALCHE CRITICA DI TROPPO. Però il tecnico un sassolino dalla scarpa vuole toglierselo. «Rispetto tutti ma non si può criticare un gruppo che è stato spremuto come un limone. Il passo falso di Brescia va analizzato nel suo complesso» racconta Juric «e penso che, nel primo tempo, la squadra abbia fatto tutto quello che doveva fare, giocando bene a calcio, tirando e procurandosi tantissimi calci d'angolo, purtroppo non concretizzati. Nella ripresa invece siamo entrati in modo diverso, meno concentrati, e abbiamo pagato».

 

Nessun allarme o indicazioni sul futuro. Questo è quanto è emerso rispetto alla gara del Rigamonti. «In questo periodo non si può nemmeno parlare di veri e propri allenamenti» ci svela il mister gialloblù, «ma solo di lavoro di recupero tra una gara e l'altra. Tengo a sottolineare il fatto che i ragazzi stanno facendo qualcosa di stupendo, andando oltre la fatica e gli infortuni. Un atteggiamento lodevole che appartiene anche a chi sa che non sarà più qui tra poche settimane. Il livello di attaccamento alla squadra è incredibile».

 

L’ESEMPIO DI SOFYAN. Gente perbene al Verona gestita da grandi professionisti visto che ci sono tantissimi giocatori già sicuri di andarsene a fine campionato. Amrabat è uno di questi «Lui va sempre oltre il limite della sofferenza fisica e ha fatto diverse partite consecutive a ritmi impressionanti» commenta l’allenatore che poi vira su due dei giocatori che l’Hellas farà di tutto per avere anche nella prossima stagione. «Salcedo e Pessina hanno speso belle parole sulla mia persona? Ho un buon rapporto con tutti, ma prima dell'aspetto emotivo serve essere professionali coi calciatori: io la penso così. Salcedo è molto giovane, deve crescere e va inserito gradualmente nelle rotazioni».

 

UN’ALTRA BIG. Dopo il Napoli, un’altra grande di scena al Bentegodi. Sarà la penultima, visto che deve ancora arrivare la Lazio. «L’Inter? All'andata è stata la squadra che più ci ha fatto soffrire, sono chiaramente molto forti» spiega Juric, «non cerco scuse, cercheremo di fare la nostra gara con la mentalità di sempre. Voglio un Verona sempre motivato, non ammetto altri atteggiamenti: daremo sempre il massimo, questo lo posso garantire. Dovremo giocare con lo spirito-Hellas. Poi ci possono essere problemi, infortuni, squalifiche, ma sul resto non ammetto cali di tensione».

 

LA FORMAZIONE. Il tecnico croato cercherà di mettere in campo l’undici migliore. In difesa tornerà Gunter e in mezzo il dubbio rimane Veloso. Ma andiamo con ordine. In porta Silvestri, la difesa a tre con Rrahmani, Gunter e Kumbulla. I due esterni di metacampo saranno Faraoni e Lazovic. In mezzo potrebbe riposare Veloso con Pessina a fianco di Amrabat. Le mezz’ali saranno Verre e Zaccagni con Di Carmine punta scelta. Questo a meno di clamorose sorprese l’undici iniziale contro l’Inter. Badu è disponibile ma andrà in panchina dove Pazzini e Stepinski potrebbero subentrare. Sarà molto faticoso il lavoro che attende Di Carmine in mezzo a Godin e De Vrij. •

G.TAV.
Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie A

CLASSIFICHE
RISULTATI
Juventus
77
Atalanta
71
Inter
71
Lazio
69
Roma
57
Milan
56
Napoli
53
Sassuolo
48
Hellas Verona
45
Bologna
43
Cagliari
42
Parma
40
Fiorentina
39
Sampdoria
38
Torino
37
Udinese
36
Genoa
30
Lecce
29
Brescia
21
Spal
19
Brescia - Spal
Cagliari - Sassuolo
1-1
Fiorentina - Torino
Genoa - Lecce
Hellas Verona - Atalanta
1-1
Juventus - Lazio
Milan - Bologna
5-1
Napoli - Udinese
Parma - Sampdoria
Roma - Inter