04 luglio 2020

Sport

Chiudi

04.05.2020

Inizia il countdown scudetto È una settimana da brividi

«Quando ho visto colpire Todesco libero a due passi da Garella, mi son detto: “Ecco ci siamo, roviniamo tutto alla fine“. Fortunatamente ha spedito quel pallone di testa sopra la traversa». Eccola qui una della tante cose che vi racconteremo sullo storico scudetto del Verona. A rivelarci di Todesco, è stato Domenico Volpati. «Era di questi giorni, trentacinque anni fa». Il «Volpe» ha ragione. Il 5 maggio del 1985 il Como di tanti ottimi giocatori guidati da Ottavio Bianchi, si giocava la salvezza e rese vita dura ad Elkjaer e compagni. «Noi eravamo stanchi, quasi più psicologicamente che fisicamente» prosegue Volpati, «già con Lazio avevamo fatto una fatica bestia. Col Como ci andò bene. Dopo aver lottato con l’Inter, era il Torino la squadra più pericolosa e in forma in quel finale». Un punto ancora, di questi tempi, 35 anni fa, per l’impresa. Atalanta e Avellino le ultime fatiche. Il Gruppo Athesis, attraverso L’Arena, il web del giornale, Telearena e RadioVerona, ha deciso di ricordare la settimana dell’importante ricorrenza. Già nella partita più bella e in alcune ricorrenze, abbiamo celebrato quello che fece la banda di Bagnoli. Un’impresa, coronata il 12 maggio 1985, che noi faremo rivivere attraverso racconti inediti e rinfrescando la memoria dei tifosi o aggiornando il grande popolo dell’Hellas con un apposito quiz, al via da domani. Quale pallone, quale ristorante, cosa mangiavano i futuri campioni d’Italia, quali locali e le scaramanzie. A proposito qualcuno sa la marca delle sigarette di Elkjaer? «Mai fumato», ha sempre dichiarato il vero sindaco. Ad esempio, Bagnoli a volte prendeva l’autobus per scendere dalla Valdonega? O la macchina della moglie, che era della stessa marca della sua? Questo è forse il quesito più facile e banale di una trentina che abbiamo già in serbo per voi. Telearena, nella più classica ed originale della versioni, ha già riproposto qualche match dell’anno di grazia. I più attenti ricorderanno un tabellone dalle parti della porta di Maratona, quella vicina a «Mario sù», storico tifoso e dove viveva il popolare Sisto, terribile responsabile del «manto» del Bentegodi, che metteva in riga perfino mister Bagnoli. Dicevamo Telearena già, era la televisione del Verona, tant’è che aveva anticipato Sky e Instagram affidando non ad ex, l’opinione sul calcio, ma ai protagonisti in carne ed ossa. Sacchetti era un grande conduttore e con lui pure Elkjaer e Galderisi, quando non cantava, sempre a Telearena. E poi i nostri campioni in diretta web, sul nostro cliccatissimo sito: l’arena.it. Magari proprio da Tricella e compagni ci faremo raccontare qualcosa di nuovo. Il Gruppo Athesis scenderà in campo con le cose più curiose e inedite per rispolverare un’epoca distante 15 anni dalla Verona Beat dei «Gatti» ma che manteneva i colori, gli odori, la spensieratezza e la laboriosità di una piccola città che divenne capitale grazie alle imprese di un gruppo di calciatori e di una società fatta da uomini straordinari. Sarà un bel modo per ricordare ed augurarsi che il calcio riprenda, magari col Verona di Juric nuovamente in Europa dopo 32 anni. Ma questa è un’altra storia. •

G.TAV.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie A

CLASSIFICHE
RISULTATI
Juventus
72
Lazio
68
Inter
64
Atalanta
60
Roma
48
Napoli
45
Milan
43
Hellas Verona
42
Cagliari
39
Parma
39
Bologna
38
Sassuolo
37
Fiorentina
31
Udinese
31
Torino
31
Sampdoria
29
Genoa
26
Lecce
25
Spal
19
Brescia
18
Atalanta - Lazio
Bologna - Juventus
Fiorentina - Brescia
1-1
Genoa - Parma
Hellas Verona - Napoli
Inter - Sassuolo
Lecce - Milan
1-4
Roma - Sampdoria
Spal - Cagliari
Torino - Udinese